Eicma 2016: Yamaha goes “TO THE MAX” - Worldwide Automotive News - Driveandride.com Eicma 2016: Yamaha goes “TO THE MAX” - Worldwide Automotive News - Driveandride.com Eicma 2016: Yamaha goes “TO THE MAX” - Worldwide Automotive News - Driveandride.com Eicma 2016: Yamaha goes “TO THE MAX” - Worldwide Automotive News - Driveandride.com Eicma 2016: Yamaha goes “TO THE MAX” - Worldwide Automotive News - Driveandride.com Eicma 2016: Yamaha goes “TO THE MAX” - Worldwide Automotive News - Driveandride.com

Eicma 2016: Yamaha goes “TO THE MAX”

EICMA 2016: Yamaha goes “TO THE MAX” – Alla 74a edizione del Salone Internazionale del Motociclismo di Milano, la Casa dei tre diapason stupisce il pubblico con numerose novità delle proprie gamme moto e scooter e l’incredibile Concept Adventure su motore bicilindrico T7.

Yamaha, leader a livello internazionale del mondo delle due ruote, continua a stupire il pubblico grazie ai suoi modelli di moto e scooter. Questi prodotti, grazie al loro carattere innovativo, hanno infatti la straordinaria capacità di trasmettere forti emozioni. Pochi mezzi, infatti, possiedono la capacità di stimolare l’immaginazione dei motociclisti di tutto il mondo: Yamaha, con i modelli appartenenti ad esempio alle famiglie Supersport, Hyper Naked, Sport Heritage e Sport Scooter, si è elevata ai vertici grazie a design dinamici, all’evoluta tecnologia e all’esperienza di guida, caratteristiche che identificano tutti i suoi prodotti.

Durante l’esclusiva press première che, come da tradizione, ha preceduto l’avvio dell’Esposizione Mondiale del Motociclismo – EICMA, il pilota del team Movistar Yamaha MotoGP, Valentino Rossi, ha raggiunto sul palco il Presidente di Yamaha Motor Corporation, Hiroyuki Yanagi, in sella al protagonista assoluto della serata: il nuovo TMAX. Il Re dei maxiscooter è stato così svelato in compagnia delle due nuove versioni SX e DX e di tutte le novità delle gamme Sport Heritage e Supersport e dell’incredibile Concept Adventure T7, davanti alla stampa internazionale e ai numerosi appassionati in diretta live streaming.

Ad EICMA 2016, in programma da giovedì 10 a domenica 13 novembre, l’avveniristico ed imponente stand Yamaha, grazie al suo design energico, risalterà all’interno del Padiglione 2 (stand n. M30). Destinato a diventare una delle mete di riferimento del sempre più crescente numero di visitatori, lo spazio tre diapason occuperà una superficie di ben oltre 1000 mq e punterà i riflettori su tutte le novità 2017 tra cui anche i rinnovati modelli della gamma Urban Mobility come Tricity 125, D’elight e NMAX 155.

Nuovo Concept T7 Yamaha: espressione di competenza e passione.

Yamaha, nel corso dei suoi sessantuno anni di storia, ha influenzato incredibilmente il settore delle due ruote. Nel mondo dedicato all’Adventure, l’esemplare più significativo è senza dubbio costituito dal leggendario XT600Z Ténéré, presentato al Motor Show di Parigi nell’ottobre del 1982.
Questo carismatico mezzo conquistò immediatamente l’attenzione di un vasto pubblico di appassionati che erano rimasti colpiti dalla sua semplicità e dal suo pedigree da competizione.

Derivata direttamente dalle moto ufficiali che parteciparono alla Parigi-Dakar guidate da piloti leggendari come Stéphane Peterhansel, questa dinamica ed infaticabile Adventure diventò presto uno dei modelli più venduti in Europa. Nei primi 10 anni della sua vita, tra il 1984 e il 1994, raggiunse la straordinaria cifra di 61.000 unità vendute. Ancora oggi, la famiglia Ténéré continua ad attrarre un numero sempre più alto di motociclisti e, tra loro, molti orgogliosi proprietari che già da diverso tempo fanno parte dei diversi club ad essa dedicati.

Lo spirito originario del Ténéré, mezzo che ha contribuito a rendere la Casa di Iwata uno dei marchi più importanti nel mondo Rally e dell’Adventure, non è mai venuto meno. Anzi, vive ancora nel DNA del brand.
I modelli Adventure di Yamaha rappresentano un modo puro ed essenziale di godersi le due ruote. Tutti i mezzi della gamma, infatti, offrono una sensazione di libertà totale e di scoperta in particolare quando permettono ai chi ne è in sella di raggiungere luoghi meravigliosi che non presentano strade tradizionali.
Oggi Yamaha vuole mostrare al mondo il suo sguardo sul futuro attraverso la presentazione, ad EICMA 2016, dell’incredibile Concept T7.
Molti dei modelli Adventure attuali di media cilindrata sono, infatti, percepiti come troppo orientati alla strada e troppo sofisticati. Non sono quindi adatti ad un vero utilizzo in off-road.

L’universo Adventure ha bisogno, quindi, di nuovi esemplari che possano offrire la versatilità necessaria per affrontare le lunghe percorrenze e una grande resistenza, tipica del Ténéré originale, combinata ad un design contemporaneo e tecnologie di vertice.

 

Un team composto da ingegneri Yamaha, progettisti e product planner del Team Ufficiale Rally in Francia, da membri del dipartimento di Ricerca e Sviluppo in Italia e del GK Design in Olanda, ha unito le idee e le proprie passioni per sviluppare un nuovo concept: T7. Ognuno di questa significativa squadra è stato spinto dal desiderio di creare qualcosa che soddisfasse pienamente le necessità del motociclista e che, naturalmente, rappresentasse la visione di Yamaha per la prossima generazione di Adventure.

Creato con il DNA delle competizioni che ha fatto di Yamaha uno dei brand dal maggior numero di successi nel mondo dei Rally, T7 è un concept perfettamente funzionante sviluppato per ottenere un equilibrio ideale tra le caratteristiche che l’on e off road richiedono.

Un mezzo dal peso contenuto, basato su un nuovo telaio che è stato progettato come complemento ideale di una versione specificamente sviluppata dell’ammiratissimo motore bicilindrico frontemarcia crossplane da 700 cc. Questo motore, erogando una coppia corposa ed una potenza facilmente plasmabile, assicura una trazione ottimale su ogni tipo di superficie.

Equipaggiato con serbatoio in alluminio, quattro fari a LED frontali, cupolino in carbonio, piastra motore, scarico dedicato Akrapovič e forcella hi-tech KYB, T7 rappresenta un’interpretazione attuale di Adventure ideale e giocherà un ruolo fondamentale nello sviluppo dei futuri modelli Adventure di Yamaha.
E dal 2018 un nuovo capitolo del libro delle leggende Yamaha verrà scritto su strada. E in fuoristrada.

Nuova gamma Urban Mobility 2017 di Yamaha

Yamaha, grazie ai propri modelli della gamma Urban Mobility, regala una vasta possibilità di scelta, secondo le proprie esigenze, a tutti quei pendolari che, per spostarsi in città, cercano una valida alternativa ai mezzi pubblici.

I commuter vehicles della famiglia tre diapason, infatti, sono stati progettati in modo da garantire il risparmio di tempo, denaro ed energie per andare al lavoro o a scuola.
Brillanti nelle prestazioni e facili da guidare, questi modelli sono stati progettati e realizzati per rispondere alle esigenze reali dei pendolari di tutta Europa contribuendo così a rendere ogni giornata più semplice e produttiva.

Dedicato a chi apprezza un senso di stabilità superiore e l’elevata maneggevolezza che i veicoli a tre ruote garantiscono, l’innovativo e moderno Tricity 125 dispone di un evoluto e più potente motore e, oltre ad essere disponibile in nuove e vivaci colorazioni, beneficia di una serie di significative migliorie alla ciclistica.

Il fratello maggiore di Tricity 125, il nuovo Tricity 155, non è solo più veloce, ma offre anche più funzionalità ed uno stile ancora più grintoso.

Progettato specificamente per coloro i quali ricercano la stabilità delle tre ruote abbinata ad un’accelerazione più dinamica ed una velocità di punta superiore, Tricity 155 è disponibile a partire da novembre 2016 in tutti i Concessionari Ufficiali Yamaha.

Il successo di NMAX 125, compatto commuter sportivo, continua grazie ad una nuova gamma di colori e al motore omologato Euro 4. Inoltre, a partire da quest’anno, gli farà compagnia il nuovo e più potente NMAX 155. Grazie al motore di cilindrata superiore, lo sportivo NMAX 155 offre accelerazioni rapide ed una velocità di punta più elevata del 125. Per il 2017, Yamaha presenta anche il nuovo D’elight 125. Questo urban vehicle, dal profilo più snello, offre un eccellente rapporto qualità-prezzo. Xenter 125 abbina invece un look di tendenza ad una tecnologia ricercata e adotta un motore omologato EU4.

Yamaha XSR900 Abarth

– La gamma Sport Heritage della Casa di Iwata, grazie alla sua miscela unica tra tecnologia di vertice e look senza tempo, ha rapidamente attirato l’attenzione del mondo delle due ruote. Infatti, un numero sempre più crescente di piloti ne apprezzano il pensiero che le fa da sfondo: la filosofia “Faster Sons”.
Modelli come XSR900 riconoscono il valore di alcuni elementi classici del design Yamaha che ne richiamano i 61 anni di storia e che offrono ai rider di oggi la possibilità di guidare una moto di carattere, con una tecnologia all’avanguardia e prestazioni da leader della categoria.

Più di ogni altra casa costruttrice giapponese, Yamaha ha aderito pienamente da diversi anni alla crescente arte della customizzazione, dando vita ad una gamma di modelli special unici nel loro genere. Prendendo come base i modelli della famiglia Sport Heritage, bike maker leggendari come Shinya Kimura e Roland Sands, infatti, hanno creato delle special davvero stupefacenti che hanno ispirato tutti quei rider che cercavano un modo per trasformare la propria Yamaha in un mezzo esclusivo ed originale. Negli ultimi mesi Yamaha ha collaborato con Abarth, uno dei marchi italiani più prestigiosi nel settore delle auto da competizione, per creare un’incredibile café racer di serie in edizione limitata.

La prima special café racer della famiglia Sport Heritage.
Abarth è stata protagonista, grazie ai suoi leggendari modelli, del mondo delle gare su quattro ruote per più di 60 anni e, con il tocco italiano del suo design ed il suo DNA sportivo, presenta una storia ed una filosofia perfettamente complementari a quelle di Yamaha. Per il 2015, Abarth e Yamaha si sono unite per dar vita ad un nuovo ed esaltante progetto: il risultato si chiama XSR900 Abarth, una café racer di lusso, con grafiche incredibili, costruita con una serie di componenti di prestigio.

Motore CP3 da 850 cc.
Il cuore di questo nuovo esemplare in edizione limitata è lo straordinario motore tricilindrico Yamaha CP3 da 850 cc che offre una coppia corposa e lineare per consentire a chi è in sella di sperimentare un’accelerazione da brividi ed eccezionali prestazioni in tutti i regimi di giri. Dotato di 3 diversi livelli per il controllo della trazione (TCS) e della frizione antisaltellamento assistita (A&S), questo motore conferisce al rider il massimo controllo del mezzo in tutti i tipi di situazioni.

Posizione di guida sportiva.
Una delle caratteristiche fondamentali di questa nuova Sport Heritage è la posizione della sella che, pensata per una vera café racer, esalta la simbiosi uomo/macchina che si viene a creare, ed accentua la sensazione di agilità e compattezza.
Grazie ai semimanubri clip-on swallow e alla sella in stile Racing, XSR900 Abarth lavora sui punti di forza della prima XSR900 di serie per dar vita ad una café racer davvero esclusiva.

Componenti in carbonio.
La sagoma compatta ed il look carismatico di XSR900 Abarth prendono ispirazione dalle special e dalle moto ibride degli anni 60 create dai “rocker” che volevano provare il brivido di guidare la moto più veloce e d’impatto. Il design retrò del suo cupolino contrasta magnificamente con la sua struttura hi-tech in carbonio, mentre l’elegante sella rivestita in pelle scamosciata sottolinea l’elevata qualità costruttiva che fa da capo a questa nuova arrivata nel garage tre diapason. Per contenerne il peso ed evidenziarne il suo DNA sportivo, parafango anteriore e codone sono stati realizzati in fibra di carbonio. Sono stati utilizzate luci posteriori integrate e uno speciale portatarga per adattarsi al meglio alla sella aerodinamica.

Scarico completo Akrapovič in titanio.
XSR900 Abarth è equipaggiata con uno scarico in titanio XSR900 Akrapovič che ne incrementa le prestazioni. Dotato di doppia marmitta slip-on in titanio, lo scarico offre un’accelerazione più bruciante, un look più esclusivo ed un sound da brividi.

Esclusiva livrea Abarth.
Il logo Abarth, presente su serbatoio, parafango anteriore e codone in carbonio, arricchisce la livrea Nimbus Grey, dalle tonalità grigio-rosse, di XSR900 Abarth. Quest’incredibile colorazione, oltre a catturare lo spirito di un’epoca passata, conferisce alla nuova Sport Heritage tre diapason lo stile rétro delle storiche café racer. Ispirata agli anni 60 e realizzata con la tecnologia giapponese più innovativa abbinata all’inimitabile design italiano, la nuova XSR900 racchiude in un unico esemplare le varie sfaccettature dell’universo dei motori in un modo decisamente unico.

Edizione limitata di sole 695 unità.
La produzione di XSR900 Abarth sarà strettamente limitata a sole 695 unità, numero che riprende parte del nome di un eccezionale concept-tributo dedicato da Abarth proprio alla nuova tre cilindri giapponese. Sul fianco di ogni esemplare è presente una targhetta in alluminio che ne riporta il numero di produzione, a testimonianza del suo carattere esclusivo.

Il nuovo concept Abarth 695 Tributo XSR.
Per celebrare la presentazione della nuova Yamaha XSR 900 Abarth, la prima moto nata in collaborazione tra due dei più dinamici e storici brand nell’industria dei motori, Abarth rivela, infatti, un nuovo concept della carismatica 695, nome che si riferisce ad alcune delle auto più speciali mai prodotte dal marchio dello scorpione. La 695 Tributo XSR è un concept car che, grazie alla sua livrea grigia e accenti rossi, riflette lo stile di Yamaha XSR900. L’utilizzo di componenti in fibra di carbonio sottolinea l’affinità con cupolino, parafango anteriore e cover della sella anch’essa in fibra di carbonio della nuova Sport Heritage.
La concept car e Yamaha XSR 900 Abarth condividono anche il leggero scarico Akrapovič, un componente derivato dal mondo Racing che conferisce ad entrambe personalità, sound e prestazioni. Infine, sul portellone è presente il logo XSR.

Abarth VIP Experience.
I piloti che vorranno essere tra i primi ad acquistare la nuova ed inedita café racer firmata Yamaha ed Abarth dovranno puntare la sveglia alle ore 14:00 CET del 17 gennaio 2017: sarà infatti questo il momento in cui si attiverà il sistema di prenotazione online dedicato sul sito www.xsr900-abarth.eu. I primi 95 clienti che effettueranno la prenotazione online verranno invitati a partecipare all’esclusiva Abarth VIP Experience. Dopo che le 95 prenotazioni saranno state confermate, le rimanenti 600 unità dell’edizione limitata di XSR900 Abarth saranno rese disponibili attraverso la rete di Concessionari Ufficiali Yamaha a partire da maggio 2017.

Accessori Originali ed abbigliamento Faster Sons Collection.
I futuri proprietari di XSR900 Abarth, inoltre, avranno a loro disposizione una ricca gamma di Accessori Originali Yamaha per poter personalizzare il modello secondo le proprie preferenze. Tutti quei rider che vorranno, inoltre, sentirsi in completa simbiosi con la nuova XSR900 Abarth, potranno acquistare i capi della speciale collezione di abbigliamento Faster Sons dedicata al mezzo che comprende tshirt, maglione e cappellino in puro stile café racer.

Caratteristiche principali XSR900 Abarth.
Motore tre cilindri frontemarcia da 850 cc raffreddato a liquido
Traction Control System e frizione antisaltellamento
Esclusiva livrea Abarth grigio/rossa
Semimanubri clip, per una posizione di guida sportiva
Monosella sportiva con cover in pelle scamosciata e impunture rosse
Codone e parafango anteriore in carbonio
Scarico completo Akrapovič con doppia marmitta slip-on in titanio
Portatarga sportivo
Targhetta in alluminio numerata
Logo Abarth su serbatoio, parafango anteriore e codone

TMAX, TMAX SX, dall’animo sportivo, e TMAX DX, dal massimo livello di comfort

Sin dal lancio di TMAX, avvenuto nel 2001, la famiglia “MAX” di Yamaha continua ad essere universalmente considerata come una delle più influenti all’interno del mercato europeo degli sport scooter. Dotati di un design dinamico e spinti da sofisticati motori a 4 tempi, i mezzi della gamma “MAX” sono stati progettati per offrire prestazioni esaltanti e brillanti. Ultimo arrivato all’interno della categoria Sport Scooter è X-MAX 300 presentato poche settimane fa ad Intermot. Modellato dal DNA di TMAX e realizzato con gli stessi standard elevati del Re dei maxiscotter, X-MAX 300 prende spunto dal suo predecessore X-MAX 250. Ma le novità nella famiglia degli Sport Scooter tre diapason non terminano qui: per il 2017, infatti, la Casa di Iwata annuncia anche l’arrivo della sesta generazione del maxi scooter sportivo più carismatico e ricercato del mondo. Costruito con le specifiche più elevate mai adottate dai modelli della sua categoria d’appartenenza e disponibile in tre diverse versioni, il nuovo TMAX, ancora una volta, è pronto a lasciare il segno.

Nuovo TMAX: Resetta le regole di MAX.
Quindici anni fa Yamaha presentò al mondo un modello che avrebbe letteralmente cambiato il panorama degli scooter, creando così una nuova categoria. All’epoca poteva sembrare che per Yamaha, quella di lanciare uno scooter che aveva le prestazioni e la maneggevolezza di una moto sportiva abbinate al comfort e alla praticità di uno scooter, fosse una decisione coraggiosa. Ma la storia e i numeri hanno ampiamente dimostrato la lungimiranza della Casa dei tre diapason.
Infatti, TMAX non solo creò una nuova categoria, ma cambiò persino la comune percezione dei veicoli a lui simili. Era infatti giunta l’era dei maxi scooter sportivi. Cinque generazioni dopo, TMAX continua a dominare incontrastato il segmento degli scooter di grossa cilindrata e di qualità elevata. Con oltre 230.000 unità vendute in 15 anni, TMAX non è semplicemente il maxi scooter più venduto in Europa, ma è anche uno dei modelli di punta di sempre di Yamaha.

Per il 2017, l’inimitabile storia di TMAX continua con tre nuove versioni: TMAX, TMAX SX e TMAX DX. Ognuna di esse è pronta a riaffermare il prestigioso status del precursore, offrendo i sempre massimi livelli di prestazioni, tecnologia e stile. Le tre nuove versioni di TMAX resettano le regole di MAX, offrendo così ai clienti tre diapason una scelta di varianti ancora più ampia. Il nuovo e dinamico design della carena e del telaio in alluminio, insieme alle sofisticate tecnologie di controllo elettronico e alle specifiche elevate, rafforzano la posizione di TMAX come leader incontrastato della categoria. Le tre versioni disponibili permettono di scegliere quella che più si avvicina al proprio stile di vita. Chi vorrà personalizzarlo potrà farlo grazie alla vasta gamma di componenti e accessori dedicati. Ma ci sono anche proprietari di maxi scooter che, per i propri spostamenti in città o per le gite del weekend, cercano prodotti ancor più sofisticati. Per questo motivo, Yamaha ha creato i modelli TMAX SX e TMAX DX. Dotato di livree dedicate e di un’esclusiva centralina a mappatura variabile D-MODE, TMAX SX è pensato per gli scooteristi dall’animo più sportivo. Grazie all’esteso utilizzo di tecnologie elettroniche di controllo, come la centralina D-MODE, il Cruise Control, lo schermo regolabile elettricamente e l’impianto di riscaldamento per sella e manopole, TMAX DX costituisce, invece, il top di gamma della famiglia “MAX” e rappresenta la risposta definitiva a chi cerca il massimo del comfort.

TMAX 2017: Master of Scooter.
Uno dei segreti dell’inarrestabile successo del leggendario TMAX è la costante evoluzione che l’ha collocato al vertice della categoria dei maxi scooter. Infatti, in questo arco di tempo, il motore di TMAX è cresciuto da 499 cc a 530 cc, mentre l’originaria trasmissione a catena è stata rimpiazzata da quella a cinghia. Al posto del telaio in acciaio si trova ora una struttura in alluminio più leggera. L’evoluta forcella a steli rovesciati sostituisce invece la forcella tradizionale della prima generazione. Il costante processo di evoluzione non si ferma mai. Per questo TMAX beneficia di una serie di nuove caratteristiche di design, oltre a numerose e significative migliorie tecnologiche ed estetiche che riaffermano la sua posizione di leadership.

Caratteristiche di TMAX, TMAX SX e TMAX DX.
Tutte e tre le versioni di TMAX portano in strada le specifiche più elevate mai viste su un maxi scooter Yamaha. Nuova carena sportiva e dinamica. Nel corso della sua gloriosa storia, TMAX è sempre stato uno dei maxi scooter più carismatici ed immediatamente riconoscibili. Poiché ogni modello di nuova generazione si è basato sui propri predecessori, la linea genetica di TMAX si è sviluppata nel tempo. Il look autentico ed il carattere sportivo del modello originale sono però ancora ben visibili nel design del nuovo arrivato. L’ultima versione presenta un “muso” più compatto al quale sono stati aggiunti profili cromati che ne incorniciano le lenti e gli spigoli in rilevo posizionati nell’area delle “palpebre”. Il frontale, più raccolto, concentra i quattro fari anteriori a LED e le luci di posizione, regalando così a TMAX un look più sportivo e dinamico che ne annuncia le prestazioni superiori. Il TMAX originale fu il primo scooter Yamaha con dei fianchi laterali a “boomerang” che, nel tempo, sono diventati uno dei tratti caratteristici di tutte le generazioni del TMAX. Questi accorgimenti offrono una forte ed immediata connessione visiva tra avantreno e retrotreno. Il design del modello 2017 presenta un motivo a “boomerang” più dinamico che rafforza la sensazione di maggior leggerezza ed agilità del modello. La maneggevolezza di stampo motociclistico è espressa dal forcellone più lungo e compatto che sporge maggiormente rispetto alla penultima versione di TMAX. Il look hi-tech e le prestazioni superiori di TMAX sono evidenziati dalla nuova linea del perno del forcellone e dall’esposizione a vista del carter motore.

Potente bicilindrico frontemarcia da 530 cc raffreddato a liquido Il motore bicilindrico frontemarcia da 530 cc raffreddato a liquido con YCC-T Yamaha Chip Controlled Throttle (YCC-T) eroga una coppia corposa che offre accelerazioni brucianti, ideali per dribblare rapidamente il traffico cittadino. In autostrada, il motore dall’erogazione fluida e con la trasmissione automatica CVT regala allunghi formidabili, preziosi durante i viaggi di lavoro su lunghe distanze o in occasione delle gite di piacere. La nuova marmitta, più compatta e inclinata verso l’alto, rafforza il design dinamico del modello 2017, mentre la nuova collocazione del catalizzatore e la scatola ridisegnata del filtro dell’aria sono alcune delle modifiche che hanno permesso a TMAX di adottare l’omologazione EU4.
Yamaha Chip Controlled Throttle (YCC-T)
Grazie al suo motore compatto e leggero, l’attuale TMAX è già protagonista di una categoria a parte se si parla di accelerazione e dinamicità.
TMAX 2017 è equipaggiato con l’innovativo sistema Yamaha Chip Controlled Throttle (YCC-T), ed è il primo maxi scooter Yamaha con trasmissione automatica che adotta questa tecnologia.
Una centralina ECU a 32 bit monitora costantemente l’apertura del gas e regola il corpo farfallato azionato da un servomotore per ottenere prestazioni elevate e una sensazione di guida dal forte carattere. Controllando con precisione l’ingresso del flusso dell’aria in aspirazione, il sistema YCC-T assicura una risposta più modulabile e una maggiore percezione della potenza e del carattere sportivo di TMAX rendendolo ancora più performante ed adrenalinico. È stata inoltre sviluppata un nuovo terminale di scarico inclinato verso l’alto che, insieme alla nuova cinghia con rinforzi in materiale composito e alla puleggia di trasmissione più leggera, partecipa allo straordinario feeling in accelerazione che il nuovo TMAX regala.

Controllo di trazione (TCS)
L’adozione del nuovo e sofisticato sistema YCC-T ha permesso ai tecnici Yamaha di equipaggiare TMAX con un nuovo Traction Control System (TCS). Si tratta di una tecnologia elettronica avanzata che contribuisce alla sicurezza di chi è in sella, assicurando partenze più modulabili ed una superiore tenuta sul bagnato e su fondi scivolosi o sdrucciolevoli. Quando i sensori rilevano che la ruota posteriore sta perdendo aderenza sulla superficie stradale, situazione che si verifica quando si parte da fermi o in fase di accelerazione, TCS interviene automaticamente e regola la fasatura delle valvole, il volume dell’iniezione elettronica e l’apertura del gas. Rimodulando all’istante la potenza trasmessa alla ruota posteriore, il TCS previene la perdita di trazione e permette allo scooterista di mantenere il pieno controllo del mezzo per una guida più fluida, sicura e gratificante su tutti i tipi di fondi stradali. Il TCS può essere inserito o disinserito secondo le preferenze del pilota o le condizioni della strada.

Nuovo e leggero telaio in alluminio
Quando TMAX arrivò sulla scena, nel lontano 2001, definì nuovi standard per il design del telaio degli scooter. Inoltre, nei suoi 15 anni di vita, tutte le generazioni della dinastia TMAX hanno costantemente alzato l’asticella a livello di maneggevolezza.
Per il 2017, i designer Yamaha hanno sviluppato un nuovo, compatto, performante e leggero telaio pressofuso in alluminio ed un nuovo forcellone, realizzato sempre nello stesso materiale, più lungo di 40 mm che offrono al pilota un’esperienza di guida di tipo motociclistico. Grazie alla geometria rivista e alla centralizzazione ottimizzata delle masse, la nuova ed avanzata struttura dà un contributo sostanziale alla riduzione del peso di ben 9 kg.

Sospensione posteriore a leveraggi progressivi
TMAX adotta anche un nuovo sistema a leveraggi progressivi per la sospensione posteriore, con l’ammortizzatore disposto orizzontalmente. Il setting dei leveraggi progressivi è pensato per offrire un’azione ammortizzante più morbida nella parte iniziale dell’escursione, per poi diventare più rigida all’aumentare del carico. La combinazione tra leveraggi progressivi e forcellone più lungo offre al pilota un feedback migliore dal retrotreno. Con il nuovo sistema si prova inoltre una sensazione di spinta superiore in fase di accelerazione.

Cinghia di trasmissione ad alta resistenza in fibra di carbonio
Per ridurre i pesi non sospesi e contribuire alla concentrazione delle masse è stata adottata una nuova trasmissione finale. La nuova cinghia è realizzata in fibra di carbonio, materiale universalmente conosciuto per la sua leggerezza e rigidità. Queste caratteristiche hanno permesso ai tecnici Yamaha di ridurre la larghezza della cinghia a 25 mm, rispetto ai 40 mm del modello attuale. La trasmissione impiega anche nuove pulegge, anteriore e posteriore, che contribuiscono alla riduzione di 9 kg del peso del modello 2017. Il team di progettazione ha analizzato ogni componente con l’obiettivo di ridurre il peso complessivo: l’impiego di pneumatici con una nuova struttura interna permette una riduzione dei pesi di 1 kg. Questi pneumatici high-tech offrono un buon grip su tutti i tipi di superfici, garantendo così una guida confortevole ed un’eccellente resistenza all’usura. TMAX 2017 monta pneumatici delle stesse dimensioni del modello attuale: 120/70-15 davanti e 160/60-15 dietro. Per ridurre ulteriormente il peso, la larghezza del cerchio posteriore è stata ridotta a 4,50 pollici.

Generoso vano sottosella
Per aumentare il livello di praticità e funzionalità nelle situazioni di utilizzo quotidiano, TMAX è stato equipaggiato di un vano sottosella più capiente, realizzato con una nuova e più leggera struttura in resina. Viene così aumentata la capacità di carico, permettendo di riporvi due caschi demi-jet, un casco integrale oppure uno modulare.

Nuovo quadro strumenti con display TFT monocromatico
Chi guiderà il nuovo TMAX sperimenterà una delle strumentazioni più eleganti mai adottate da uno scooter, con un display di alta qualità che ne sottolinea le specifiche di riferimento offrendo nel contempo una sensazione di profondità superiore rispetto al modello tradizionale. La nuova strumentazione multi funzione prevede un tachimetro analogico sulla sinistra ed un contagiri analogico sulla destra, con profili rotondi blu su fondo nero. Il display monocromatico centrale TFT comprende un computer di bordo con un contachilometri totali, due contachilometri parziali, il consumo della corrente, la temperatura atmosferica ed una serie di indicatori per diverse funzioni comprese TCS, D-MODE e Cruise Control se disponibile.

Sistema di avviamento “Smart Key” di nuova generazione con blocco del cavalletto centrale
È un piccolo dettaglio che, oltre a facilitare l’utilizzo di TMAX nel quotidiano, offre una sensazione di sicurezza in più.

Predisposizione per sistema di sicurezza Dainese D-AIR
Ogni versione del nuovo TMAX è predisposta per l’installazione del sistema di sicurezza opzionale Dainese D-AIR®, una delle soluzioni più avanzate offerte dal mercato odierno. Se viene rilevato un impatto o una scivolata, il sistema D-AIR® si gonfia all’istante e protegge guidatore e passeggero da eventuali lesioni al torso. Per una maggiore praticità, non vi è alcuna connessione fisica tra la giacca D-AIR® e TMAX.

Colorazioni
Il nuovo TMAX sarà disponibile nella colorazione Midnight Black.

Caratteristiche principali TMAX – tutte le versioni
Nuovo design della carena sportivo e dinamico
Nuovo telaio in alluminio
Nuovo forcellone in alluminio più lungo e compatto
Più leggero di -9 kg rispetto al modello 2016 (DX -6 kg)
Nuovo controllo di trazione (TCS)
Nuovo Yamaha Chip Controlled Throttle (YCC-T)
Vano sottosella più capiente
Avviamento senza chiave “Smart Key” di seconda generazione
Marmitta corta e compatta inclinata verso l’alto
Nuova e sofisticata strumentazione TFT
Sospensione posteriore a leveraggi progressivi
Pneumatici leggeri con minor resistenza al rotolamento
Predisposizione per l’installazione del sistema di sicurezza D-AIR
Nuovo blocco del cavalletto centrale
Nuovo cavalletto laterale in alluminio
Presa per ricarica batteria
Motore omologato EU4

NUOVO YAMAHA TMAX SX

Oltre alle caratteristiche di TMAX, lo sportivo TMAX SX è dotato di una serie di funzionalità e colorazioni esclusive che ne sottolineano il fascino unico ed il carattere dinamico.
Speciali livree sportive e finiture esclusive
Il nuovo TMAX SX è disponibile nelle colorazioni Matt Silver, con cerchi blu, e Liquid Darkness. Queste due livree, dalle tonalità opache, conferiscono un look minimalista che, insieme all’elegante marchio SX, accentuano il carattere sportivo e evidenziano l’esclusività del mezzo. Molti dettagli del design sono trattati con una vernice lucida. Inoltre, vari componenti sono stati realizzati con nuovi materiali che conferiscono a TMAX SX un maggior impatto visivo. Molto importanti sono anche le finiture della carrozzeria, nelle aree del tunnel centrale e del portaoggetti, che enfatizzano il carattere lussuoso e l’eccellente qualità costruttiva di questo prestigioso maxi scooter.

Yamaha D-MODE

Yamaha D-MODE è un sistema di controllo elettronico che offre a chi guida TMAX SX e TMAX DX la possibilità di regolare la mappatura della centralina per adattarsi alle diverse condizioni di guida. Premendo un pulsante sequenziale sulla parte destra del manubrio, il pilota può selezionare la modalità T-Mode per guidare in città o la modalità S-Mode per una guida sportiva. Scegliendo l’opzione T-Mode, il controllo D-MODE, operando in combinazione con il sistema YCC-T, offre un’erogazione più dolce e facile da gestire, rendendo TMAX più adatto al contesto urbano. Selezionando S-Mode, i piloti possono invece godere dell’accelerazione adrenalinica e delle prestazioni sportive del motore da 530 cc quando la strada è libera.

My TMAX Connect

I piloti di TMAX SX, ma anche quelli di TMAX DX, saranno i primi clienti Yamaha che entreranno nel mondo di My TMAX Connect tramite l’app dedicata. Usando l’applicazione per smartphone, i clienti avranno accesso ad una ricca serie di dati relativi al loro SX o DX, inclusa la localizzazione del mezzo grazie al sistema GPS integrato. Inoltre, potranno azionare da remoto clacson e frecce. Altri servizi includono l’allarme per la batteria scarica, per la velocità eccessiva e per l’uscita da zona sicura, oltre ai report sui viaggi. Questo sofisticato sistema offre un controllo maggiore, in termini di sicurezza, di TMAX SX e DX e permette anche l’accesso a informazioni utili dal proprio smartphone. Nuove funzionalità verranno rese disponibili attraverso aggiornamenti del software. L’app My TMAX Connect può anche consentire un risparmio sulla polizza assicurativa, se le compagnie lo prevedono.

Caratteristiche aggiuntive TMAX SX
Colori esclusivi e finiture di qualità elevate.
Mappatura regolabile con D-MODE
App My TMAX

NUOVO YAMAHA TMAX DX

L’ammiraglia TMAX DX, disponibile nelle colorazioni Phantom Blue e Liquid Darkness, offre i massimi livelli di confort con le specifiche tecniche più sofisticate mai adottate da un maxi scooter. Oltre ad essere dotato di tutte le funzionalità di TMAX e TMAX SX, il top di gamma TMAX DX è equipaggiato con una serie di tecnologie esclusive che ne confermano la posizione di leadership all’interno dell’universo dei maxi scooter.

Cruise Control
Nessun altro scooter offre la possibilità di percorrere distanze impegnative con i massimi livelli di comfort e stile che TMAX assicura. Per sottolineare il suo notevole potenziale di scooter “touring”, l’ammiraglia TMAX DX è equipaggiata con Cruise Control. Il sistema opera insieme a YCC-T per controllare i flussi di aria in aspirazione e, di conseguenza, mantenere la velocità selezionata indipendentemente da fattori esterni come la pendenza della strada o il vento contrario, rendendo così piacevoli anche i viaggi più lunghi. Il Cruise Control di TMAX DX entra in funzione sopra i 50 km/h. La velocità può essere aumentata o diminuita a step di 2 km/h toccando, o tenendo premuto, il pulsante di sinistra del manubrio.
È possibile facilmente disinserire il Cruise Control frenando o girando la manopola del gas oltre la posizione di “chiuso”. Il pulsante “resume”, invece, riporta il sistema all’ultima velocità impostata.

Schermo regolabile elettronicamente
Per garantire la massima praticità, TMAX DX è equipaggiato con un parabrezza regolabile elettronicamente che può essere abbassato o alzato di 135 mm premendo un pulsante collocato sulla parte sinistra del manubrio. Il design del parabrezza è stato progettato in una modalità che tiene conto della presa d’aria centrale: in questo modo la pressione dell’aria e la turbolenza che agiscono sullo scooterista vengono ridotte, creando un ambiente di guida più confortevole. Su TMAX e TMAX SX lo schermo si regola, invece, manualmente tramite le apposite viti. L’escursione verticale è di 55 mm.

Riscaldamento di manopole e sella del guidatore
TMAX è una valida alternativa all’auto e al treno grazie alla sua predisposizione per la percorrenza di lunghe distanze a velocità elevate. Per garantire standard di comfort ancora più elevati in presenza di tutte le condizioni atmosferiche, TMAX DX di serie è dotato di un sistema di riscaldamento per le manopole e per la sella. Insieme al parabrezza regolabile elettronicamente, al Cruise Control e al sistema D-MODE, TMAX DX ha tutto quello che serve per essere considerato uno dei veicoli più confortevoli, eleganti ed efficienti per la città, le gite del weekend ed i viaggi più lunghi.

Sospensione posteriore regolabile
La nuova sospensione posteriore a leveraggi progressivi di TMAX DX è regolabile nel precarico e in compressione, per adattarsi al carico e alle condizioni di guida. Offrendo una guida confortevole a medie e basse velocità, oltre ad una tenuta di strada impeccabile anche in velocità elevata, la sospensione posteriore regolabile e progressiva regala un’esperienza di guida senza confronti.

Caratteristiche aggiuntive TMAX DX
Colori esclusivi ed elevata qualità delle finiture
Cruise control
Schermo regolabile elettronicamente
Riscaldamento di manopole e sella del pilota
Sospensione posteriore regolabile

Accessori TMAX
Come per tutti i modelli tre diapason, anche per TMAX Yamaha ha sviluppato una gamma di Accessori Originali sport e touring che comprende, tra gli altri, componenti che ne esaltano la funzionalità e lo stile. Ulteriori informazioni sugli Accessori Originali saranno disponibili in seguito all’arrivo dei tre veicoli sul mercato. Disponibilità.
Le tre nuove versioni del Re dei maxi scooter saranno disponibili, nel Concessionari Ufficiali Yamaha, a partire da marzo 2017.


title : Eicma 2016: Yamaha goes “TO THE MAX”
updated : novembre 8th, 2016
updated_iso8601 : 2016-11-08T12:13:14+00:00
author : Ale Marino