Porsche al Salone dell’Auto di Ginevra 2017 - Worldwide Automotive News - Driveandride.com Porsche al Salone dell’Auto di Ginevra 2017 - Worldwide Automotive News - Driveandride.com Porsche al Salone dell’Auto di Ginevra 2017 - Worldwide Automotive News - Driveandride.com Porsche al Salone dell’Auto di Ginevra 2017 - Worldwide Automotive News - Driveandride.com Porsche al Salone dell’Auto di Ginevra 2017 - Worldwide Automotive News - Driveandride.com Porsche al Salone dell’Auto di Ginevra 2017 - Worldwide Automotive News - Driveandride.com
Porsche al Salone dell'Auto di Ginevra 2017

Porsche al Salone dell’Auto di Ginevra 2017

Porsche al Salone dell’Auto di Ginevra 2017. Porsche apre la primavera 2017 con tre spettacolari anteprime mondiali. Con la Panamera Sport Turismo, all’87° Salone Internazionale dell’Auto di Ginevra (dal 7 al 19 marzo 2017) la casa produttrice di auto sportive presenterà una nuova variante della carrozzeria della famiglia Gran Turismo e una novità nel segmento. La linea del modello, con un design unico, più spazio per passeggeri e bagagli e un portellone posteriore più grande, evidenzia la sintesi tra eleganza sportiva e praticità nell’utilizzo quotidiano. Un altro punto saliente della manifestazione sarà la nuova Panamera Turbo S E-Hybrid. Con la seconda variante ibrida della Panamera (potenza complessiva 500 kW/680 CV), per la prima volta Porsche mette sul mercato un ibrido plug-in come modello top di gamma di una serie. La passione per la potenza caratterizza anche la 911 GT3, un modello vicino al mondo delle sportive da corsa. La nuova generazione della rivoluzionaria 911 stabilisce un legame ancora più stretto tra uso quotidiano e pista. Al centro del suo perfezionamento si colloca il nuovo motore aspirato a elevata capacità di giri che eroga 368 kW (500 CV) di potenza. Festeggiano la loro prima partecipazione a una fiera anche i modelli 911 GTS.

 

Una nuova linea di auto sportive con più potenzialità: Panamera Sport Turismo

Porsche sviluppa ulteriormente l’idea alla base della Panamera. Con la seconda variante della carrozzeria, la Panamera Sport Turismo festeggia l’anteprima mondiale. La quattro porte coniuga il DNA del design Porsche con più spazio a disposizione, sfruttabile in maniera versatile. Partendo dal montante centrale, la linea del tetto della Sport Turismo scorre più dritta rispetto a quella della berlina sportiva in stile coupé. A un aspetto elegante si aggiunge quindi più spazio per passeggeri e bagagli (progetto con 4+1 posti). Grazie al grande portellone posteriore elettrico, la nuova variante è in grado di accomodare senza problemi, oltre al classico set di valigie per le vacanze, anche grandi attrezzature sportive. Inalterato rimane il carattere da auto sportiva della Gran Turismo. Entrambe le linee della carrozzeria si fondano sulla stessa base tecnica. La Panamera Sport Turismo sarà introdotta sul mercato nell’autunno 2017. La gamma di modelli comprende al momento cinque varianti di propulsione e potenza: Panamera 4, Panamera 4 S, Panamera 4S Diesel, Panamera 4 E-Hybrid e Panamera Turbo.

 

Ispirata alla 918 Spyder: Panamera Turbo S E-Hybrid

La sinergia tra un potente motore V8 e un motore elettrico dalla coppia elevata nel 2013 ha reso la Porsche 918 Spyder l’auto da corsa più veloce sul circuito del Nürburgring. Ora la Panamera Turbo S E-Hybrid fa suo questo concetto, e con esso anche la posizione ai vertici in veste di berlina ibrida attualmente più potente al mondo. All’unione delle forze del motore a otto cilindri (404 kW/550 CV) e del motore elettrico da 100 kW/136 CV si contrappone un consumo normale (NEDC) di 2,9 l/100 km di carburante e 16,2 kWh/100 km di corrente. L’accelerazione da 0 a 100 km/h in 3,4 secondi si colloca al livello delle auto sportive di alta classe. Al contempo, questo ibrido plug-in a batteria completamente carica è in grado di percorrere fino a 50 km in modalità puramente elettrica. Per quanto riguarda il telaio, le potenzialità della Panamera top di gamma si estendono dalla dinamica in curva di una sportiva al comfort di una berlina di lusso. Il principio della sintesi tra potenza e comfort amplia così di molto i suoi confini. Con la Panamera Turbo S E-Hybrid Porsche chiarisce il seguente concetto: la mobilità elettrica è un punto fisso nello sviluppo della potenza sportiva ai massimi livelli. Il nuovo modello top di gamma della serie Panamera sarà disponibile fin dall’inizio con due diversi passi e l’introduzione sul mercato è fissata per luglio 2017.

 

Dalla quotidianità alla pista: la nuova 911 GT3 da 500 CV

Ancora più potente, ancora più veloce, ancora più precisa: con la 911 GT3, il reparto addetto agli sport motoristici di Porsche ha creato una nuova regina della pista, che grazie alla sua versione stradale può trovare anche altri impieghi. Il cuore della rivoluzionaria 911 è il nuovo motore boxer da quattro litri che eroga 368 kW (500 CV) di potenza, un motore da corsa lasciato pressoché inalterato dalla 911 GT3 Cup. Elemento importante per i puristi: oltre al cambio PDK di serie, per la prima volta è possibile scegliere un cambio sportivo a sei rapporti. Al fine di aumentare ulteriormente la dinamica di guida, il comportamento del telaio PASM con asse posteriore sterzante è stato di nuovo ottimizzato. Con il PDK, la sportiva accelera da 0 a 100 km/h in 3,4 secondi. La velocità massima è di 318 km/h, con cambio manuale di 320 km/h. Nel look, la 911 GT3 si presenta tutt’altro che modesta: il grande alettone posteriore è ancora più in alto nella traiettoria dell’aria rispetto alle versioni precedenti. I grandi condotti di aspirazione e di scarico dell’aria sul frontale, nel cofano anteriore e nella coda testimoniano l’aerodinamica coerente con gli sport motoristici. L’introduzione sul mercato della nuova 911 GT3 inizierà a metà maggio 2017.

 

Più potenza sportiva: i nuovi modelli Porsche 911 GTS

Per i clienti della 911 particolarmente attenti alla potenza, Porsche continua a scrivere la storia delle sportive GTS con cinque nuovi modelli. La famiglia è costituita da Coupé e Cabriolet con trazione posteriore o integrale, e dalla 911 Targa 4 GTS. Tutti i modelli sono dotati di motore potenziato a 331 kW (450 CV), carrozzeria larga tipica dei modelli a trazione integrale, telaio sportivo PASM e una dotazione degli interni specificamente realizzata. I nuovi turbocompressori aumentano la potenza del sei cilindri da tre litri di 22 kW (30 CV) rispetto al propulsore dei modelli 911 Carrera e Targa S. Uno spoiler anteriore basso e un’altezza di estrazione dello spoiler posteriore più elevata riducono ulteriormente i coefficienti di portanza sull’asse anteriore e posteriore rispetto ai modelli Carrera S. Elementi di design neri e cerchi da 20 pollici laccati anch’essi di colore nero e con chiusura centrale, nonché le scritte GTS sulle porte caratterizzano il look unico dei nuovi modelli. La consegna delle prime 911 GTS è in programma in questi giorni.

 

Novità esclusiva per la Cina: Panamera Executive

Con l’inizio del Salone dell’Auto di Ginevra, Porsche amplia anche la gamma di modelli Panamera Executive in Cina: in esclusiva per il mercato cinese, a partire da ottobre 2017 sarà disponibile una versione lunga a trazione posteriore dell’apprezzata berlina sportiva Panamera. La nuova Panamera Executive con motore turbo V6 da tre litri (243 kW/330 CV) offrirà ai clienti cinesi un primo assaggio dal prezzo interessante delle varianti decisamente lussuose della Gran Turismo con passo lungo (allungato di 150 millimetri). Il modello, assieme alla Panamera Turbo S E-Hybrid Executive, anch’essa nuova, affianca in Cina le varianti Executive Panamera Turbo Executive (404 kW / 550 CV), Panamera 4S Executive (324 kW / 440 CV), Panamera 4 E-Hybrid Executive (340 kW / 462 CV) e Panamera 4 Executive (243 kW / 330 CV).

 

Porsche in Svizzera: un altro anno record di fila

Da 65 anni Porsche vende auto sportive in Svizzera, un’amicizia duratura che si rinnova grazie a stimoli sempre nuovi: nel 2016 l’azienda ha consegnato 3.970 vetture, quasi il quattro percento in più rispetto all’anno precedente, segnando così un nuovo record. La serie di maggior successo è stata la Macan, con 1.650 vetture nuove, seguita dalla 911 con 1.050 unità. Sul mercato classico delle auto a trazione integrale è stata particolarmente richiesta soprattutto la 911 Carrera 4S. Inoltre, i clienti Porsche elvetici si sono dimostrati aperti nei confronti della tecnologia del futuro, il plug-in: quasi il 30 percento delle 682 Cayenne consegnate è stato venduto con propulsione ibrida.

 

Nuova variante della carrozzeria della Porsche Panamera

Anteprima mondiale a Ginevra: la Sport Turismo integra la serie Panamera

Porsche amplia la famiglia Panamera con una nuova variante della carrozzeria: al Salone dell’Auto di Ginevra 2017, la Panamera Sport
Turismo festeggia la sua anteprima mondiale. E già in cinque versioni: Panamera 4, Panamera 4S, Panamera 4S Diesel, Panamera 4 E-Hybrid e Panamera Turbo. Derivata dall’amatissima berlina sportiva, la nuova variante con il suo design inconfondibile aggiunge un’altra netta affermazione nel segmento di lusso. Al contempo la Sport Turismo, con la sua potenza fino a 404 kW/550 CV, è versatile come nessun’altra rappresentante della sua classe. Con un grande portellone posteriore, un bordo di carico basso, maggior volume del bagagliaio e un concetto di sedili 4+1, il nuovo modello Panamera soddisfa esigenze elevate di idoneità all’uso quotidiano e versatilità. “La Panamera Sport Turismo rappresenta per Porsche l’ingresso in un nuovo segmento, unito alla tutela di tutti i valori e di tutte le caratteristiche tipiche di Porsche”, afferma Michael Mauer, direttore Style Porsche.

 

A livello sia tecnico che progettuale, la Sport Turismo sfrutta tutte le innovazioni della serie Panamera, completamente rinnovata solo l’anno scorso. Esse comprendono il Porsche Advanced Cockpit digitalizzato, i sistemi di assistenza all’avanguardia come il Porsche InnoDrive con sistema adattivo di regolazione della velocità, i sistemi di assistenza del telaio come l’asse posteriore sterzante, la stabilizzazione antirollio elettronica Porsche Dynamic Chassis Control (PDCC Sport) e le potenti motorizzazioni. Inoltre, tutti i modelli Panamera Sport Turismo sono dotati di serie del Porsche Traction Management (PTM), una trazione integrale attiva con lamelle a regolazione elettronica. A partire dai modelli S, fanno inoltre parte della dotazione di serie le sospensioni pneumatiche adattive con tecnologia a tre camere.

 

Design e concetto di una sportiva tuttofare

Proprio come la berlina sportiva in stile coupé, anche la Sport Turismo è caratterizzata da proporzioni molto dinamiche, dettate dal DNA del design Porsche. La vettura è lunga 5.049 millimetri, alta 1.428 e larga 1.937 e ha un passo notevole di 2.950 millimetri. Oltre a questo, la silhouette è caratterizzata da sbalzi della carrozzeria ridotti e da cerchi fino a 21 pollici di diametro.

 

A partire dai montanti centrali, quindi dall’inizio delle porte posteriori, a contraddistinguere la Sport Turismo nella parte posteriore c’è un design davvero unico. Attraverso le spalle marcate si estendono i finestrini dalla linea allungata e un contorno del tetto anch’esso allungato. Il tetto scende verso la parte posteriore meno velocemente rispetto alla linea dei finestrini. Ne risulta un montante supplementare marcato e inconfondibile, che passa alla zona delle spalle nel modo tipico delle coupé.

 

Primo spoiler estraibile adattivo nel segmento

In alto, il tetto continua in uno spoiler adattivo. L’angolo di incidenza dello spoiler viene regolato a tre livelli a seconda della situazione di marcia e delle impostazioni della vettura selezionate, e crea una deportanza aggiuntiva sull’asse posteriore fino a 50 chilogrammi. Fino a una velocità di 170 km/h, questo elemento aerodinamico in grado di direzionare l’aria, componente centrale del sistema Porsche Active Aerodynamics (PAA), rimane ritratto con un angolo di meno sette gradi e riduce la resistenza all’aria, contribuendo così a ottimizzare i consumi.

 

A partire dai 170 km/h lo spoiler passa automaticamente alla posizione Performance e, con un angolo di incidenza di più un grado, aumenta la stabilità di marcia e la dinamica trasversale. Nelle modalità di marcia Sport e Sport Plus, lo spoiler esce in questa posizione già da una velocità di 90 km/h. Fornendo un supporto attivo, il PAA adatta l’angolo di incidenza dello spoiler a partire dai 90 km/h a più 26 gradi, se il tetto panoramico scorrevole opzionale è aperto. In questo caso, lo spoiler contribuisce a ridurre al minimo i rumori del vento.

 

Tre posti nel sedile posteriore di nuova concezione

La nuova Sport Turismo è il primo modello Panamera dotato di sedile posteriore a tre posti. Poiché, come richiede il carattere della serie che bada tanto alla sportività quanto al comfort, i due posti esterni sono realizzati come sedili singoli, nella parte posteriore si crea una configurazione 2+1. Come optional, la Panamera Sport Turismo può essere ordinata in versione quattro posti, con due sedili singoli a regolazione elettronica.

 

La linea del tetto più alta rende ancora più semplice salire e scendere dalla zona posteriore, dove è garantita molta più libertà di movimento per la testa. Il bagagliaio risulta ancora più facile da utilizzare, grazie al portellone posteriore elettrico di serie dall’apertura ampia, oltre che al bordo di carico basso di soli 628 millimetri. Fino al bordo superiore dei sedili posteriori, la Sport
Turismo offre un volume fino a 520 litri (Panamera 4 E-Hybrid Sport Turismo: 425 litri), 20 litri in più di volume di carico rispetto alla berlina sportiva. Se caricata fino al tetto e con il sedile posteriore ribaltato, il guadagno aumenta di circa 50 litri. I tre schienali posteriori si possono ribaltare separatamente oppure completamente (rapporto 40:20:40); lo sblocco dal bagagliaio è elettrico. Quando tutti gli schienali sono ribaltati, si ha una superficie di carico quasi piana. Il volume di carico aumenta in questo caso fino a 1.390 litri (Panamera 4 E-Hybrid Sport Turismo: 1.295 litri).

 

Per il bagagliaio della Panamera Sport Turismo, se lo si desidera, è disponibile un sistema di gestione del carico. Questo sistema variabile per il trasporto sicuro comprende, tra l’altro, due guide di fissaggio integrate sul fondo, quattro occhielli di ancoraggio e una rete divisoria per il bagagliaio. Inoltre, come optional è disponibile una presa di corrente da 230 Volt nel bagagliaio.

 

Cinque motorizzazioni al via sul mercato

La Panamera Sport Turismo è ordinabile da subito. L’introduzione sul mercato in Europa avverrà il 7 ottobre 2017, negli altri mercati a inizio novembre. La nuova Porsche partirà con cinque varianti di propulsione già impiegate nella berlina sportiva. I prezzi in Germania partono per la Panamera 4 Sport Turismo (243 kW/330 CV) da 97.557 euro, per la Panamera 4 E-Hybrid Sport Turismo (340 kW/462 CV di potenza complessiva) da 112.075 euro, per la Panamera 4S Sport Turismo (324 kW/440 CV) da 120.048 euro, per la Panamera 4S Diesel Sport Turismo (310 kW/422 CV) da 123.975 euro e per la Panamera Turbo Sport Turismo (404 kW/550 CV) da 158.604 euro; tutti i prezzi si intendono IVA inclusa.

Al via la seconda variante ibrida della Porsche Panamera

La Turbo E-Hybrid diventa il modello più potente della serie Panamera

Performance eccezionali e sostenibili in un modello Porsche: con la nuova Panamera Turbo S E-Hybrid, la casa produttrice di auto sportive posiziona per la prima volta un ibrido plug-in come modello top di gamma di una serie. Il motore V8 da quattro litri della Panamera Turbo viene combinato con un motore elettrico. Il risultato è una potenza complessiva di 500 kW/680 CV, con un dispiego di forza straordinario: già appena sopra il regime minimo è disponibile una coppia di 850 Nm. Questo permette un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 3,4 secondi e una velocità massima di 310 km/h. La strategia Boost della Panamera a trazione integrale deriva dalla sportiva 918 Spyder. Il consumo medio nel nuovo ciclo di guida europeo è di 2,9 l/100 km; con la nuova Panamera top di gamma è possibile percorrere fino a 50 chilometri in modalità puramente elettrica. La Panamera Turbo S E-Hybrid sottolinea il grande significato che l’elettromobilità riveste per Porsche.

 

Un concetto di propulsione unico, con motore V8 e motore elettrico

Dopo il successo del debutto della Panamera 4 E-Hybrid, contraddistinta dalla combinazione di motore V6 e motore elettrico, Porsche ha nuovamente mostrato il grande potenziale di prestazioni della tecnologia ibrida. Nella nuova Panamera Turbo S E-Hybrid si combinano un motore elettrico (100 kW/136 CV) e un motore V8 (404 kW/550 CV). La frizione di disaccoppiamento, montata nel modulo ibrido Porsche, come nella Panamera 4 E-Hybrid, si attiva elettromeccanicamente tramite un attuatore a frizione elettrica (ECA). Ne risultano tempi di reazione brevi e un alto grado di comfort. Per la trasmissione della forza al sistema a trazione integrale adattivo di serie Porsche Traction Management (PTM), come in tutti gli altri modelli Panamera di seconda generazione, si utilizza il rapido cambio a doppia frizione Porsche Doppelkupplung (PDK) a otto rapporti. La propulsione E-Performance fa accelerare la berlina fino a 100 km/h in soli 3,4 secondi, e a velocità elevate garantisce un’eccezionale capacità di ripresa. Così la Porsche Panamera Turbo S E-Hybrid, che arriva a una velocità di 310km/h, detta una volta di più nuovi standard nella sua classe. La Panamera Turbo S E-Hybrid con sospensioni pneumatiche di serie offre un equilibrio unico in questo segmento: il comfort di una berlina di lusso unito a valori di performance di un’auto sportiva.

 

Il motore elettrico è alimentato a corrente da una batteria agli ioni di litio raffreddata a liquido con capacità di 14,1 kWh. La batteria ad alta tensione integrata nella parte posteriore si carica completamente in sei ore, tramite un allacciamento da 230 Volt a dieci Ampere. Se la Panamera, in alternativa al caricatore di serie da 3,6 kW, utilizza il caricabatteria on board opzionale da 7,2 kW e un allacciamento da 230 V e a 32 Ampere, la batteria sarà completamente carica già dopo 2,4 ore. Tramite il Porsche Communication Management (PCM) o l’app Porsche Connect (per smartphone e Apple Watch) si può avviare la carica anche in maniera temporizzata. Inoltre, la Panamera Turbo S E-Hybrid è dotata di climatizzazione a vettura ferma, per raffreddare o riscaldare l’abitacolo già durante la carica.

 

Triade di prestazioni sportive, comfort sui lunghi tragitti ed efficienza

Prestazioni, comfort ed efficienza formano una triade perfetta: la
Panamera Turbo S E-Hybrid si avvia per impostazione predefinita nella modalità puramente elettrica “E-Power”; fino a una distanza di 50 chilometri, la sportiva quattro porte percorre le tratte locali senza produrre emissioni. Se si supera un punto di pressione sull’acceleratore o se si scende al di sotto di un livello di carica minimo della batteria, la Panamera passa alla modalità “Hybrid Auto”, che mette a disposizione la potenza di entrambi i motori. Il consumo nel nuovo ciclo di guida europeo (NEDC, New European Driving Cycle) per i modelli ibridi plug-in si attesta sui 2,9 l/100 km con la benzina super (66 g/km di CO2) e sui 16,2 kWh/100 km con la corrente elettrica.

 

Debutto con due diversi passi

Il nuovo modello top di gamma della seconda generazione delle Panamera arriva sul mercato in Europa a luglio 2017. Gli altri mercati seguiranno nella seconda metà del 2017. L’anteprima mondiale della Panamera Turbo S E-Hybrid avverrà al Salone dell’Auto di Ginevra (dal 7 al 19 marzo 2017). Fin dall’inizio, la quattro porte sarà proposta anche in versione Executive con un passo allungato di 150 millimetri.

 

Della dotazione di serie della Panamera Turbo S E-Hybrid fanno parte, tra i vari allestimenti, anche il Porsche Ceramic Composite Brake (PCCB), il Porsche Dynamic Chassis Control (PDCC) con Porsche Torque Vectoring Plus (PTV Plus), il servosterzo Plus e i cerchi in metallo leggero da 21 pollici nel design 911 Turbo. Sono inoltre compresi nella dotazione di base un sistema di climatizzazione a vettura ferma, elementi aerodinamici adattivi e le sospensioni pneumatiche a tre camere con Porsche Active Suspension Management (PASM). La versione lunga è dotata di serie di asse posteriore sterzante. In Germania, la Panamera Turbo S E-Hybrid è disponibile a partire da 185.736 euro IVA inclusa, la Panamera Turbo S E-Hybrid Executive da 199.183 euro.

Motore aspirato più potente e telaio di ispirazione sportiva

Una 911 adatta per la guida sportiva e su strada: ecco la nuova Porsche 911 GT3

Le prestazioni di una vettura da corsa, una struttura leggera e un’esperienza di guida ancora più intensa: ecco la formula della Porsche 911 GT3. La nuova generazione della rivoluzionaria 911 verrà presentata in anteprima mondiale nel corso dell’87esima edizione del Salone Internazionale dell’Auto di Ginevra 2017. Questa vettura stabilisce un legame ancora più stretto tra uso quotidiano e circuito. Punto di forza di questo progetto di sviluppo è il nuovo motore boxer da quattro litri. Questo motore aspirato con elevata capacità di giri sviluppa una potenza di 368 kW (500 CV) ed è stato ripreso, quasi senza variazioni, dalla 911 GT3 Cup, una vettura da corsa di razza pura. Il telaio rielaborato con asse posteriore sterzante e la struttura leggera sono stati concepiti appositamente per convertire la potenza del motore in una straordinaria dinamica di marcia. La tecnologia degli sport motoristici di Porsche confluisce ancora una volta nella versione stradale di una vettura sportiva, poiché la 911 GT3 è stata sviluppata tramite gli stessi test in pista e realizzata nella stessa linea di produzione delle auto da corsa.

 

La maggior parte delle vetture sportive Porsche GT viene spesso guidata anche in pista. È proprio su circuito che la nuova 911 GT3 dà il meglio di sé grazie a un rapporto peso/potenza pari a 3,88 kg/kW (2,86 kg/CV). Con il cambio a doppia frizione Porsche Doppelkupplung (PDK) a sette rapporti di serie, appositamente adattato per il modello GT, la due posti dal peso di 1.430 kg con serbatoio pieno accelera da 0 a 100 km/h in 3,4 secondi e raggiunge la velocità massima di 318 km/h. Per gli amanti della guida in stile classico, la Porsche 911 GT3 è disponibile su richiesta con cambio sportivo a sei rapporti. Con quest’ultimo, la 911 a elevate prestazioni accelera da 0 a 100 km/h in 3,9 secondi ed è in grado di raggiungere una velocità massima di 320 km/h.

 

Veloce in curva, stabile in rettilineo: il telaio rigido con asse posteriore sterzante

Il telaio della nuova 911 GT3 è frutto dell’esperienza di Porsche nelle gare automobilistiche ed è stato armonizzato per offrire una migliore dinamica di marcia. Rispetto alla 911 Carrera S, la nuova biposto vanta un assetto ribassato di 25 millimetri. Oltre alla configurazione di base di livello superiore, il telaio convince per l’incredibile stabilità. A ciò contribuisce soprattutto l’asse posteriore sterzante attivo. In base alla velocità, il sistema dirige le ruote posteriori in direzione contraria o uguale a quella delle ruote anteriori migliorando, in tal modo, l’agilità e la stabilità. La dinamica di marcia viene ulteriormente migliorata dal sistema supporti motore attivi e dal differenziale posteriore autobloccante.

 

Visivamente, la 911 GT3 non lascia dubbi sulla sua vocazione. Il grande alettone posteriore in carbonio enfatizza il fatto che il design di questa vettura sportiva è stato plasmato dall’aerodinamica. Il frontale dalla struttura leggera e lo spoiler anteriore sono stati ottimizzati per indirizzare meglio il flusso d’aria. Anche nella parte posteriore dalla struttura leggera con aperture di ventilazione e nuovo diffusore è visibile l’intento di favorire una migliore aerodinamica.

 

Gli interni: una straordinaria esperienza per un piacere di guida eccezionale

Gli interni della nuova vettura sportiva a elevate prestazioni sono stati realizzati per assicurare la massima esperienza di guida. Il volante sportivo GT dal diametro di 360 millimetri proviene dalla 918 Spyder. Conducente e passeggero possono vivere a pieno la dinamica di questa vettura comodamente seduti su sedili sportivi Plus con supporti laterali rialzati e regolazione meccanica della profondità. La regolazione in altezza e dello schienale sono invece elettriche. Essendo la 911 GT3 una biposto, lo spazio solitamente riservato ai sedili posteriori è ricoperto.

 

Per la 911 GT3, Porsche offre come optional tre ulteriori varianti per i sedili. I sedili sportivi adattivi Plus si contraddistinguono per la regolazione elettrica di tutte le funzioni (a 18 posizioni). La seconda opzione è rappresentata dai sedili sportivi a guscio con schienali ribaltabili, airbag integrato per il torace e regolazione manuale della profondità. Infine la terza variante è costituita da sedili a guscio in materiale sintetico rinforzato con fibra di carbonio a vista.

 

App Porsche Track Precision di serie

Oltre al Porsche Communication Management (PCM) con modulo di navigazione online che fornisce informazioni sul traffico in tempo reale, nella dotazione di serie della vettura sono inclusi il modulo Connect Plus e l’app Porsche Track Precision. La Porsche 911 GT3 offre al conducente tramite l’app la possibilità di visualizzare, registrare e analizzare sullo smartphone dati di guida dettagliati.

 

Lancio sul mercato e prezzo

La 911 GT3 è ordinabile da subito. Il lancio della vettura sul mercato tedesco avverrà a metà maggio. La nuova 911 a elevate prestazioni sarà disponibile a partire da 152.416 euro, IVA e allestimento specifico per il Paese inclusi.

La gamma più sportiva della famiglia 911 di Porsche

Dinamici, confortevoli ed efficienti: i nuovi modelli Porsche 911 GTS

 

Con i modelli GTS Porsche amplia ulteriormente la gamma di prodotti 911. A partire da marzo 2017, in Germania sarà disponibile un totale di cinque varianti tra cui scegliere:
911 Carrera GTS con trazione posteriore, 911 Carrera 4 GTS con trazione integrale, in versione Coupé e Cabriolet, e 911 Targa 4 GTS con trazione integrale. I nuovi turbocompressori per il motore boxer a sei cilindri da 3,0 litri aumentano la potenza fino a 331 kW (450 CV). Il propulsore sviluppa 22 kW (30 CV) in più rispetto alla 911 Carrera S e 15 kW (20 CV) in più rispetto al modello GTS precedente rispettivo con motore aspirato. Tutti i modelli sono disponibili con cambio manuale a sette rapporti o cambio a doppia frizione Porsche Doppelkupplung (PDK) opzionale.

 

Più potenza per prestazioni superiori

La coppia massima di 550 Nm permette valori di accelerazione e di elasticità ancora migliori. Si colloca tra i 2.150 e i 5.000 giri/min. Il Porsche Active Suspension Management (PASM) è disponibile di serie su tutti i modelli GTS. Le GTS Coupé sono dotate del telaio sportivo PASM che abbassa la carrozzeria di 10 millimetri. La velocista più rapida della famiglia è la 911 Carrera 4 GTS Coupé: con il cambio a doppia frizione Porsche Doppelkupplung (PDK) e il pacchetto Sport Chrono di serie bastano 3,6 secondi per lo scatto da zero a 100 km/h. La velocità massima dei modelli GTS si lascia alle spalle la tacca dei 300 km/h. Davanti a tutte, con 312 km/h, si piazza la Coupé con cambio manuale e trazione posteriore.

 

Nonostante l’aumento di potenza, la GTS continua a essere caratterizzata dai bassi consumi: la 911 Carrera GTS con PDK consuma ad esempio solo 8,3 l/100 km secondo il NEDC. Tale valore corrisponde a emissioni di CO2 pari a soli 188 g/km.

 

Tipico dei modelli GTS: tanti elementi neri all’esterno e negli interni

Non è soltanto sul piano tecnico, ma anche a livello visivo che i modelli GTS si differenziano all’interno della gamma 911: tutte le vetture si basano sulla carrozzeria larga dei modelli a trazione integrale, che ora misura 1.852 mm anche nei modelli a trazione posteriore. Il nuovo scudo paraurti dal design sportivo ne sottolinea ulteriormente il carattere sportivo. Il frontale è ottimizzato in maniera aerodinamica. Uno spoiler anteriore basso e un’altezza di estrazione dello spoiler posteriore più elevata riducono ulteriormente i coefficienti di portanza sull’asse anteriore e posteriore rispetto ai modelli Carrera S. Nella parte posteriore, la GTS è resa inconfondibile dalle luci posteriori oscurate, dalla griglia d’areazione satinata-lucida nera e dai doppi terminali di scarico neri disposti al centro dell’impianto di scarico sportivo di serie. Una nuova modanatura in colore nero tra le luci posteriori caratterizza i modelli a trazione posteriore. La fascia luminosa è riservata ai modelli a trazione integrale. Gli specchietti retrovisori esterni in design sportivo, i cerchi da 20 pollici laccati in nero satinato-lucido con chiusura centrale e le scritte GTS sulle porte completano la vista laterale. La 911 Targa, poi, è resa inconfondibile anche dal caratteristico arco Targa, nella GTS realizzato per la prima volta in nero.

 

Nuova app Porsche Track Precision e dotazioni di pregio

I geni GTS definiscono anche gli interni. Il cronometro del pacchetto Sport Chrono  di serie è integrato nel cruscotto in posizione centrale. Ulteriormente sviluppata appositamente per il lancio sul mercato dei modelli GTS, si presenta al pubblico l’app Porsche Track Precision. Tra le varie funzioni, permette la registrazione automatica, la visualizzazione e l’analisi dettagliata dei dati di guida sullo smartphone. I passeggeri della GTS prendono posto su sedili in Alcantara con un nuovo disegno delle cuciture. I sedili sportivi Plus con quattro posizioni regolabili elettricamente con scritta GTS sui poggiatesta consentono un migliore appoggio laterale e maggior comfort. A ciò si aggiungono le modanature in alluminio spazzolato e anodizzato in colore nero nel quadro strumenti e molti elementi in Alcantara, ad esempio sulla corona del volante, sulla consolle centrale e sul poggiabraccia.

Porsche al Salone dell’Auto di Ginevra 2017

Porsche al Salone dell’Auto di Ginevra 2017

 


title : Porsche al Salone dell’Auto di Ginevra 2017
updated : marzo 13th, 2017
updated_iso8601 : 2017-03-13T19:10:46+00:00
author : Ale Marino