La nuova Porsche 911 RSR per Le Mans - Worldwide Automotive News - Driveandride.com La nuova Porsche 911 RSR per Le Mans - Worldwide Automotive News - Driveandride.com La nuova Porsche 911 RSR per Le Mans - Worldwide Automotive News - Driveandride.com La nuova Porsche 911 RSR per Le Mans - Worldwide Automotive News - Driveandride.com La nuova Porsche 911 RSR per Le Mans - Worldwide Automotive News - Driveandride.com La nuova Porsche 911 RSR per Le Mans - Worldwide Automotive News - Driveandride.com

La nuova Porsche 911 RSR per Le Mans

Porsche 911 RSR – Porsche si presenta alla stagione 2017 con una vettura da corsa GT completamente rinnovata. La nuova 911 RSR sfrutta al massimo la libertà concessa dai regolamenti GT per la 24 Ore di Le Mans e punta tutto sulla struttura leggera e sulla spinta di un motore boxer a sei cilindri ultramoderno collocato davanti all’asse posteriore. Si tratta di un motore da quattro litri estremamente leggero, a iniezione diretta, con organi della distribuzione rigidi, che garantisce la massima efficienza. La nuova 911 RSR debutterà in pista nel gennaio 2017 in occasione della 24 Ore di Daytona.

“Pur mantenendo il design tipico della 911, la nuova vettura ha subito le modifiche più importanti mai realizzate nella storia del nostro modello GT top di gamma”, dichiara Frank-Steffen Walliser, direttore del reparto Motorsport. La nuova 911 RSR presenta un restyling totale: telaio, carrozzeria, aerodinamica, motore e cambio sono stati completamente ridisegnati e modificati. La nuova posizione del motore ha permesso ai progettisti di aumentare notevolmente le dimensioni del diffusore posteriore. Oltre all’alettone posteriore sospeso, ripreso dalle 919 Hybrid della classe LMP1, sono stati notevolmente migliorati il livello di deportanza e l’efficienza aerodinamica.

“Nella 911 RSR abbiamo volutamente puntato su un motore aspirato particolarmente moderno e leggero, perché lascia molta libertà ai nostri ingegneri nello sviluppo della vettura”, prosegue Walliser. “Inoltre, i principi di base del regolamento LM-GTE prevedono l’assoluta parità di condizioni tra i vari concept di trazione, perché le caratteristiche relative alla coppia dei motori turbo e aspirati vengono uniformate”. Il nuovo motore aspirato, montato davanti all’asse posteriore, eroga, in base alle dimensioni dei restrittori, una potenza di circa 375 kW (510 CV) e distribuisce la sua energia attraverso un cambio sequenziale a sei rapporti con leve al volante e scatola in magnesio disposta sulle ruote posteriori, larghe 31 centimetri. In questo modo, il passaggio alla nuova generazione di motori è concluso. Dopo la 911 GT3 R e la 911 GT3 Cup, ora anche la punta di diamante delle vetture da corsa GT di Porsche si affida alla stessa famiglia di motori boxer a sei cilindri.

In passato Porsche ha tratto ispirazione, con la massima coerenza, dal concept della 911 per la produzione nel 1996 della 911 GT1, i cui successi sportivi sono stati straordinari: nel 1998 la 911 GT1 regalò a Porsche la sedicesima vittoria complessiva nella 24 Ore di Le Mans. Le vetture più veloci su pista arrivarono tutte dalla classe GT1.

Ora, per la prima volta in una vettura da corsa GT Porsche, entrano in scena dei sistemi dei assistenza ultramoderni: la nuova 911 RSR dispone infatti di un sistema di avviso collisioni, il cosiddetto “Collision Avoid System”, che consente di riconoscere tempestivamente sul monitor del cruscotto i prototipi LMP più veloci anche al buio ed evitare incomprensioni. La sicurezza per il conducente è maggiore anche grazie a un nuovo concetto di gabbia di sicurezza e a un nuovo sedile avvitato saldamente. Poiché il sedile è fissato alla vettura, la pedaliera si può spostare e regolare in base alla statura del conducente.

Anche per quanto riguarda la manutenzione, la praticità della nuova 911 RSR è stata migliorata in modo considerevole: gli elementi del rivestimento in fibra di carbonio si sostituiscono in modo completo e con la massima velocità grazie a intelligenti chiusure rapide. Inoltre, le modifiche all’impostazione del telaio possono essere eseguite con più rapidità e semplicità.

La 911 RSR si dimostra innovativa anche nel look degli adesivi: per la prima volta la vettura da corsa GT sfoggia il nuovo design di fabbrica, che esprime il linguaggio chiaro e dinamico di Porsche Motorsport. Guardandola dall’alto, si riconosce la silhouette accennata dello stemma Porsche. I colori di base rimangono il bianco, il rosso e il nero.

Nella stagione 2017, la nuova 911 RSR gareggerà presumibilmente in 19 corse professionisti per oltre 140 ore. Porsche parteciperà con due vetture al FIA World Endurance Championship (WEC), e quindi anche alla 24 Ore di Le Mans e all’IMSA Weathertech Championship in America. Il debutto è previsto per il 28 e il 29 gennaio, all’avvio della stagione IMSA, nell’impegnativo tracciato di Daytona. “Ci siamo preparati al meglio”, afferma Marco Ujhasi, responsabile progetto GT Works Motorsport. “Dal primo rollout a Weissach a marzo, quest’anno abbiamo percorso più di 35.000 km di test sui circuiti d’Europa e Nordamerica: più del tempo dedicato allo sviluppo di qualsiasi altra vettura da corsa GT Porsche”.

Porsche 911 RSR anno modello 2017

Concept

Vettura da corsa monoposto per la categoria LM-GTE

Peso/misure

Peso: circa 1.243 kg (peso base come da regolamento)

Lunghezza: 4.557 mm (senza splitter, alettone posteriore, diffusore)

Larghezza: 2.042 mm (avantreno)/2.048 mm (retrotreno)

Passo: 2.516 mm

Motore

Motore boxer a sei cilindri raffreddato ad acqua in posizione centrale; 4.000 cm3, cilindrata 81,5 mm, alesaggio 102 mm; circa 375 kW (510 CV) in base al restrittore; tecnologia a quattro valvole; iniezione diretta della benzina; lubrificazione a carter secco; volano monomassa; limitazione della potenza tramite restrittore; E-Gas

Trasmissione

Cambio sequenziale a innesti frontali a 6 rapporti; disposizione longitudinale a due alberi con coppia conica; azionamento del cambio tramite tamburi selettori elettrici; leve del cambio sul volante; scatola del cambio in magnesio; differenziale auto-bloccante a lamelle con unità Visco; frizione da corsa in fibra di carbonio a tre di-schi

Carrozzeria

Carrozzeria grezza dal peso ottimizzato con struttura composta in acciaio e allumi-nio; alloggiamento sistema di barre per recupero; finestrino rimovibile sul tetto; ser-batoio carburante FT3 nella scocca anteriore; gabbia di sicurezza saldata; sedile conforme a FIA 8862-2009, fissato saldamente alla carrozzeria; cintura di sicurezza a sei punti per l’utilizzo con HANS; pedaliera regolabile in lunghezza; componenti in CFK, a sostituzione rapida; alettone posteriore con attacco a “collo di cigno”; si-stema di sollevamento pneumatico a quattro colonne con valvola di mandata di si-curezza; impianto antincendio con unità di azionamento elettronica; parabrezza riscaldabile

Telaio

Avantreno: sospensione a doppi bracci trasversali; smorzatore di vibrazioni a 4 vie; doppie molle a spirale (molla principale e ausiliaria); barra stabilizzatrice a coltello regola-bile su entrambi i lati; servosterzo con alimentazione di pressione elettroidraulica

Retrotreno: sospensione a doppi bracci trasversali nel sub-frame integrale dell’asse posteriore; smorzatore di vibrazioni a 4 vie; doppie molle a spirale (molla principale e ausilia-ria); barra stabilizzatrice a coltello regolabile su entrambi i lati; giunti tripodi

Freni

Due circuiti frenanti separati per asse anteriore e posteriore, regolabili tramite il si-stema a bilanciere.

Avantreno: pinza fi monoblocco in alluminio a 6 pistoncini con raccordo a disconnessione rapida; dischi dei freni in acciaio autoventilanti con diametro di 390 mm; guarnizioni dei freni da corsa; convogliamento dell’aria ai freni ottimizzato

Retrotreno: pinza fi monoblocco in alluminio a 4 pistoncini con raccordo a disconnessione rapida; dischi dei freni in acciaio autoventilanti con diametro di 355 mm; guarnizioni dei freni da corsa; convogliamento dell’aria ai freni ottimizzato

Cerchi/pneumatici

Avantreno: cerchi in lega leggera legati monoblocco,12,5J x 18 ET 25 con chiusura centrale; Michelin Slick 30/68-18

Retrotreno: cerchi in lega leggera legati monoblocco, 13J x 18 ET 37 con chiusura centrale; Michelin Slick 31/71-18

Impianto elettrico

Cosworth Central Logger Unit; volante multifunzione con display integrato CFK, chiusura rapida e leve del cambio; Collision Avoidance System; generatore regola-to in abbinamento a batteria LiFePo4; proiettori principali a LED; proiettori posteriori e luce in funzione della pioggia in tecnologia a LED; illuminazione numero di gara e Leader Light System; luce nera nell’abitacolo; retrovisori a chiusura elettrica con funzione Memory; controllo della pressione degli pneumatici (RDK); sistema di idra-tazione; climatizzatore; mascherina di interruttori su consolle centrale con scritta fluorescente.


title : La nuova Porsche 911 RSR per Le Mans
updated : novembre 16th, 2016
updated_iso8601 : 2016-11-16T20:18:19+00:00
author : Ale Marino