Arteon: la Granturismo Volkswagen - Worldwide Automotive News - Driveandride.com Arteon: la Granturismo Volkswagen - Worldwide Automotive News - Driveandride.com Arteon: la Granturismo Volkswagen - Worldwide Automotive News - Driveandride.com Arteon: la Granturismo Volkswagen - Worldwide Automotive News - Driveandride.com Arteon: la Granturismo Volkswagen - Worldwide Automotive News - Driveandride.com Arteon: la Granturismo Volkswagen - Worldwide Automotive News - Driveandride.com
Arteon la Granturismo Volkswagen

Arteon: la Granturismo Volkswagen

Arteon la Granturismo Volkswagen. Esistono le classiche berline. Ed esistono le vetture sportive. Le prime offrono molto spazio e comfort elevato, le seconde un design accattivante e puro dinamismo.

Oggi la Volkswagen lancia sul mercato un nuovo modello che racchiude in sé questi due mondi: la Arteon. Una Granturismo sportiva dal design avveniristico, capace di offrire straordinaria spaziosità, sistemi di assistenza inediti, collegamento in rete interattivo che consente ai passeggeri di essere always on, motorizzazioni potenti ed efficienti, un’agilità di marcia fuori dal comune a fronte, tuttavia, dell’eccellente comfort delle berline di lusso. Klaus Bischoff, Responsabile del Design della marca Volkswagen, ha espresso con efficacia il carattere della nuova cinque porte: “La Arteon coniuga gli elementi di design propri di una vettura sportiva tradizionale con l’eleganza e la spaziosità di una fastback. Una Granturismo business class che conquista sia il cuore che la mente”. Una vettura che deve essere attraente ogni giorno come fosse il primo, nell’uso privato come in quello professionale.

Made in Germany. Nell’ambito della gamma Volkswagen, la Arteon si posiziona al di sopra della Passat (proposta a livello mondiale in diverse versioni), mentre la Phideon, realizzata specificamente per il mercato cinese, si colloca un gradino più in alto rispetto alla Arteon. La produzione della nuova Granturismo della Volkswagen è affidata allo stabilimento tedesco di Emden. Si tratta di una fabbrica con annesso un porto internazionale: una soluzione ottimale per una vettura come la Arteon, destinata a essere proposta in quasi tutti i Paesi del mondo strategici per questo segmento. L’avvio delle vendite è previsto per l’estate di quest’anno, cominciando dal mercato tedesco a giugno; stessa tempistica prevista anche per l’Italia. La commercializzazione in Asia, America, Africa e Oceania seguirà nei mesi successivi.

Quattro motori turbo. La nuova Arteon debutterà sul mercato italiano con una gamma composta da 4 motori turbo a iniezione diretta: un TSI (benzina) 280 CV e tre Turbodiesel TDI, rispettivamente 150, 190 e 240 CV.

Cambio a doppia frizione di serie per tutte le versioni. Tutti i motori, in Italia, sono abbinati a un cambio automatico a doppia frizione DSG. Il TSI 280 CV e il TDI 240 CV, inoltre, sono dotati di trazione integrale 4MOTION di serie; il TDI 190 CV è disponibile con trazione integrale o anteriore, il 150 CV solo con trazione anteriore.

Sistemi di assistenza interattivi capaci di “vedere” in anticipo le situazioni.

Gli innovativi sistemi di assistenza sono in perfetta sintonia con il concept innovativo della Arteon, come dimostrano tre di queste inedite tecnologie: la regolazione automatica della distanza (ACC) di ultima generazione prende ora in considerazione anche i limiti di velocità, le curve, le rotatorie e le diramazioni del tratto stradale, adeguando automaticamente la velocità in funzione di questi parametri (nei limiti del sistema e a seconda delle normative vigenti nei diversi Paesi). Basandosi sui dati forniti dal sistema GPS e di navigazione, le nuove luci di svolta dinamiche con regolazione predittiva sono in grado di rilevare l’imminente presenza di una curva e la illuminano prima ancora che il guidatore la affronti. L’Emergency Assist di seconda generazione garantisce maggiore sicurezza, ponderando anche l’evoluzione più sfavorevole della situazione: se il guidatore dovesse perdere conoscenza per qualsiasi motivo, il sistema di assistenza, oltre a frenare la vettura entro i limiti del sistema, provvede anche a sterzare dirigendosi verso la corsia più a destra, a condizione che la posizione dei veicoli vicini lo permetta.

Due linee di allestimento. In Italia la Volkswagen offrirà la Granturismo in due allestimenti: Elegance e Sport. Tutti i modelli sono dotati, per esempio, di fari con tecnologia LED con Dynamic Light Assit, innovativo sterzo progressivo, assistenza per il mantenimento della corsia Lane Assist, Adaptive Cruise Control, sistema di controllo perimetrale Front Assist con funzione di frenata di emergenza City, strumentazione interamente digitale Active Info Display, navigatore Discover Media, climatizzatore automatico a tre zone e cerchi in lega leggera.

Dotazioni high-tech. Tra le dotazioni disponibili a richiesta per la Arteon figurano, tra le altre, head-up display e sistema di infotainment Discover Pro con schermo in glass design da 9,2 pollici e comandi gestuali. La gamma degli equipaggiamenti a richiesta comprende tuttavia numerose altre dotazioni, quali tetto panoramico, sedili anteriori con funzione massaggio, volante riscaldabile, esclusivi pacchetti speciali (Tech Pack e Ambient Pack), illuminazione ambiente con tre temperature cromatiche, regolazione adattiva dell’assetto (di serie su 2.0 BiTDI), cerchi in lega leggera da 19 e 20 pollici e pregiati rivestimenti in pelle nappa.

Una spaziosa cinque posti. La nuova Arteon è stata realizzata sulla base del pianale modulare trasversale MQB. Il termine trasversale indica che i motori sono montati trasversalmente nella parte anteriore; un segno distintivo dei modelli MQB della Volkswagen sono gli assi che si spingono nettamente verso l’esterno. Tra gli assi si estende il lungo passo di 2.841 mm, mentre gli sbalzi della carrozzeria di questa fastback lunga 4.862 mm risultano corti e accattivanti. La Arteon è larga 1.871 mm e alta 1.427 mm. In virtù del passo lungo consentito dall’MQB, è possibile disporre di molto spazio libero per le gambe nel vano posteriore, superiore alla media non meno della capacità del bagagliaio che varia da 563 a 1.557 litri: valori irraggiungibili per qualunque berlina tradizionale.

Design avveniristico. Uno degli elementi di design di maggior spicco della carismatica Arteon è indubbiamente il frontale disegnato ex novo, il cui tratto distintivo è rappresentato dal cofano motore che si protende in avanti fino a congiungersi con i due parafanghi, e dalla calandra che abbraccia la vettura in tutta la sua larghezza. In questo insieme i fari, le luci diurne con tecnologia LED e gli indicatori di direzione si fondono con i listelli trasversali cromati della calandra e del cofano motore, dando così vita a un design del frontale all’altezza di un’autentica sportiva. Elementi di design spiccatamente sportivi sono l’imponente zona della spalla a livello del posteriore, i parafanghi muscolosi e i passaruota maggiorati a incorniciare cerchi fino a 20 pollici. La Arteon si propone così come una nuova e accattivante alternativa alle classiche berline, per tutti coloro che desiderano guidare una cinque porte fastback espressiva, forte di tecnologie avveniristiche, grande versatilità e comfort ai massimi livelli.

Quattro efficienti TSI e TDI – 4 cilindri high-tech sovralimentati

150, 190, 240 e 280 CV. La nuova Arteon sarà disponibile sul mercato italiano con quattro motori turbo a iniezione diretta: un benzina TSI 280 CV e tre Turbodiesel TDI che erogano 150, 190 e 240 CV. Tutti i motori, abbinati al cambio DSG di serie, soddisfano la norma sui gas di scarico Euro 6. Inoltre, il TSI 280 CV e il TDI 240 CV hanno anche la trazione integrale 4MOTION di serie; il TDI 190 CV può essere 4MOTION o anteriore, solo anteriore invece il 150 CV. 4MOTION identifica la trazione integrale permanente della Volkswagen. La forza motrice è distribuita tramite una frizione in base al giusto fabbisogno tra le quattro ruote. 4MOTION offre un elevato grado di sicurezza attiva, una trazione affidabile e una sempre migliore tenuta di strada. La trazione integrale lavora con i sistemi di regolazione della guida dinamica quali ESC, ASR ed EDS insieme.

Panoramica dei motori benzina della Arteon in Italia

  • 0 TSI, 280 CV, cambio DSG a 7 rapporti e trazione integrale 4MOTION

Panoramica dei motori Diesel della Arteon in Italia

  • 0 TDI, 150 CV, cambio DSG a 7 rapporti
  • 0 TDI, 190 CV, cambio DSG a 7 rapporti, anche con trazione integrale 4MOTION
  • 0 TDI, 240 CV, cambio DSG a 7 rapporti e trazione integrale 4MOTION

2.0 TSI. In generale il TSI si distingue per le innovative soluzioni di dettaglio quali un collettore di scarico verso il turbocompressore raffreddato ad acqua e integrato nella testata (per ridurre in modo efficiente il consumo a pieno carico) e un sistema di iniezione doppio con iniezione diretta e indiretta. Grazie a una gestione completamente elettronica del liquido

refrigerante, il 4 cilindri è caratterizzato, inoltre, da un sistema di gestione termica molto efficiente con una breve fase di riscaldamento; tutto questo riduce le perdite per attrito e quindi i consumi. Inoltre, il TSI è dotato di un sistema di fasatura variabile delle valvole con doppia regolazione dell’albero a camme. Infine, sul lato di scarico, la corsa della valvola prevede inoltre un doppio stadio di attivazione, il che ottimizza le prestazioni, i consumi e le emissioni di gas di scarico.

  • 280 CV e 7,3 l/100 km. La motorizzazione top di gamma TSI è offerta di serie con un cambio DSG a 7 rapporti e trazione integrale. Il motore turbo a iniezione diretta, tanto confortevole quanto agile, eroga una potenza massima di 280 CV tra 5.100 e 6.500 giri da una cilindrata di 1.984 cm3. La coppia massima di ben 350 Nm è disponibile in un settore di regime compreso tra 1.700 e 5.600 giri. Il 280 CV permette alla Arteon di accelerare da 0 a 100 km/h in soli 5,6 secondi; la velocità massima è limitata elettronicamente a 250 km/h. Il consumo nel ciclo combinato della Arteon 2.0 TSI 4MOTION è di 7,3 l/100 km (ciclo urbano 9,2 l/100 km; ciclo extraurbano 6,1 l/100 km). Le emissioni di CO2 sono pari a 164 g/km (nel ciclo combinato).

2.0 TDI. I motori da 1.968 cm3 sono estremamente efficienti e sono accoppiati al cambio DSG a 7 rapporti. Nella struttura modulare vengono inseriti i componenti funzionali specifici. Tra essi rientrano gli elementi rilevanti per le emissioni quali il sistema a iniezione, la sovralimentazione, l’intercooler integrato nel condotto di aspirazione e gli alberi di equilibratura per un’elevata silenziosità di funzionamento. Generalmente viene impiegato un complesso sistema di ricircolo dei gas di scarico. Questo comprende catalizzatore a ossidazione, filtro antiparticolato e sistema SCR per la riduzione dell’ossido di azoto (SCR = Selective Catalytic Reduction / Riduzione catalitica selettiva con impiego dell’additivo AdBlue).

240 CV e 5,9 l/100 km. Con 240 CV, il TDI più potente della Arteon è allo stesso tempo il più potente di tutti i TDI 4 cilindri della Volkswagen. Il 16 valvole biturbo eroga la sua potenza massima a150 CV e 4,4 l/100 km. Il più piccolo dei TDI 16 valvole eroga 150 CV tra 3.500 e 4.000 giri, rendendo disponibile la coppia massima di 340 Nm (fino a 3.000 giri) già a partire da 1.750 giri. La Arteon 2.0 TDI 150 CV raggiunge i 220 km/h e accelera da 0 a 100 km/h
in 9,1 secondi. I consumi si attestano ad appena 4,5-4,4
l/100 km (nel ciclo combinato).
Nel ciclo urbano si raggiungono dai 5,4 ai 5,3 l/100 km, mentre nel ciclo extraurbano si arriva a 4,0-3,9 l/100 km. Le emissioni di CO2 sono pari a 116-114 g/km.

5,3 l/100 km, mentre nel ciclo extraurbano si arriva a 4,0-3,9 l/100 km. Le emissioni di CO2 sono pari a 116-114 g/km. 4.000 giri e sviluppa la coppia massima di ben 500 Nm tra 1.750 e 2.500 giri. Per ottenere l’elevata potenza specifica di 120 CV per litro di cilindrata, per il motore è stato realizzato un modulo biturbo compatto con un turbocompressore a gas di scarico ad alta pressione e uno a bassa pressione; il modulo consente una pressione di sovralimentazione fino a 3,8 bar. Il carburante viene iniettato nelle camere di combustione attraverso gli iniettori piezoelettrici con una pressione fino a 2.500 bar. Con il TDI 240 CV, la Granturismo raggiunge una velocità massima di 245 km/h. In considerazione dell’elevata potenza, i consumi risultano straordinariamente ridotti: 5,9 l/100 km nel ciclo combinato, 7,1 l/100 km nel ciclo urbano e 5,1 l/100 km nel ciclo extraurbano. In questo caso le emissioni di CO2 si attestano a 152 g/km nel ciclo combinato.

Catalizzatore SCR. I tre motori TDI della Arteon sono dotati di un catalizzatore SCR. Posizionando in prossimità del motore il catalizzatore a ossidazione e il filtro antiparticolato con sistema SCR (Selective Catalytic Reduction – riduzione catalitica selettiva), i componenti per il post trattamento dei gas di scarico intervengono con particolare rapidità. Impiegando un filtro antiparticolato appositamente rivestito, il sistema SCR trasforma l’ossido di azoto (NOx) nei gas di scarico (all’interno dell’effettivo catalizzatore SCR) in azoto (N2) e acqua (H2O). Questa trasformazione avviene utilizzando l’AdBlue, un prodotto sintetico, che si trova in un serbatoio da 13 litri e che viene rabboccato solamente ogni 9.000 chilometri tramite un apposito bocchettone nello sportello del serbatoio.

Comfort di categoria superiore, dinamica di una vettura sportiva

Componenti del telaio. Sull’asse anteriore le sospensioni sono di tipo McPherson con triangoli inferiori. Al retrotreno, invece, viene impiegato un asse multilink a quattro bracci, con ammortizzatori a gas e molle separate. Entrambi gli assi sono dotati di barre antirollio.

Caratteristiche di marcia. L’assetto della nuova Arteon è stato ulteriormente ottimizzato in modo specifico rispetto ai modelli MQB analoghi ed è stato messo a punto in modo mirato per l’impiego sulla Granturismo. La presenza insolitamente marcata per la sua categoria di una dinamica elevata e un comfort di marcia straordinario risulta particolarmente evidente nelle versioni con regolazione dell’assetto DCC; il DCC è di serie per le TSI 280 CV e TDI 240 CV, mentre per tutte le altre Arteon è disponibile come optional: attraverso un’innovativa possibilità di regolazione continua degli ammortizzatori, in abbinamento a un ampliamento delle possibilità di regolazione, viene raggiunto un livello di rendimento che ricorda le sospensioni pneumatiche. La Arteon si distingue in particolare per il suo comportamento di guida molto diretto e preciso, un angolo di rollio estremamente ridotto e un comportamento di marcia neutro. Grazie alle grandi carreggiate (anteriore da 1.587 a 1.591 mm / posteriore da 1.577 a 1.581 mm), la Granturismo convince inoltre per la sua ottima dinamica trasversale; parallelamente all’assetto, anche il passo lungo garantisce ulteriore comfort. Infine, risulta molto equilibrato il rapporto tra elevata silenziosità di rotolamento, movimenti della vettura ben controllati e una spiccata capacità di isolamento delle vibrazioni ad alta frequenza.

Il DCC in dettaglio. La regolazione dell’assetto è disponibile in due versioni: la versione standard si distingue per un rapporto particolarmente equilibrato tra comfort di marcia e dinamica. Inoltre, è disponibile una versione sportiva ribassata di 5 mm: l’assetto DCC R. Qui la configurazione pende leggermente a favore della sportività sebbene venga mantenuto un potenziale di comfort molto elevato. Per entrambe le versioni, oltre alle impostazioni già note tramite la selezione del profilo di guida (Comfort, Normal e Sport), gli ammortizzatori regolati della Arteon possono ora per la prima volta essere configurati anche in modo continuo tramite una sezione ampliata nel sottomenu delle impostazioni personalizzate (da Comfort+ a Sport+): attraverso la nota impostazione Comfort, il guidatore può aumentare ancora di più il comfort di marcia della Arteon spostando verso sinistra l’attuatore (Comfort+); una configurazione più dinamica rispetto alla nota impostazione Sport si ottiene regolando il cursore verso destra (Sport+). Inoltre, è possibile selezionare liberamente le impostazioni desiderate scegliendo tra i tre profili Comfort, Normal e Sport. In questo modo il guidatore ha la possibilità di regolare la configurazione in modo assolutamente personalizzato.

Sterzo progressivo. Sulla Arteon viene impiegato uno sterzo progressivo elettromeccanico che contribuisce notevolmente alla sua agilità. Già in posizione centrale il rapporto di sterzo è configurato in modo molto diretto per una prontezza di risposta spontanea senza risultare troppo brusco, per esempio, nei tratti autostradali più veloci. Grazie allo sterzo progressivo, il guidatore riesce a ottenere il raggio di curvatura desiderato con movimenti del volante più piccoli. Con lo sterzo progressivo il volante viene portato a fine corsa solamente con 2,1 giri completi. Infatti, gli sterzi convenzionali operano con rapporto di demoltiplicazione costante; lo sterzo della Arteon opera invece con un rapporto di demoltiplicazione progressivo che, in fase di manovra e parcheggio, regala maggiore agilità alla vettura. Su strade extraurbane caratterizzate da numerosi tratti in curva e in fase di svolta, il guidatore percepisce un netto vantaggio in termini di dinamica di marcia derivante dal rapporto diretto.

La vasta gamma di equipaggiamenti della Arteon

Due diverse versioni per la massima personalizzazione

Elegance e Sport. A dispetto del suo carattere altamente tecnologico, la Arteon viene offerta a prezzi accessibili. Parallelamente alla versione di accesso (non prevista in Italia), la Granturismo viene proposta anche nelle due esclusive linee di allestimento Elegance e Sport. La configurazione di serie della Arteon Elegance è all’insegna dell’eleganza, mentre la Arteon Sport presenta un’impronta ancora più sportiva. Sulla base dei diversi equipaggiamenti è possibile personalizzare ulteriormente questo modello in stile fastback.

La Arteon Elegance è equipaggiata con le seguenti dotazioni (selezione):

Esterni
Fari full LED con Dynamic Light Assist e indicatori di direzione dinamici
Gruppi ottici posteriori a LED con indicatori di direzione dinamici
Cerchi in lega leggera Muscat da 18”
Gusci dei retrovisori esterni cromati

Cristalli posteriori oscurati

Interni
Strumentazione digitale Active Info Display
Sistema di infotainment e navigazione Discover Media con otto altoparlanti, AUX-IN e USB (compatibile con Apple)
Climatizzatore elettronico Climatronic a 3 zone
Volante multifunzione rivestito in pelle con palette per DSG
Pedaliera in alluminio

Sistemi per la dinamica di marcia e di assistenza

Sistema di riconoscimento della stanchezza del guidatore

Sterzo progressivo

ACC e Front Assist con riconoscimento pedoni

Lane Assist 2.0

La personalizzazione della Arteon Sport è basata sui seguenti dettagli (selezione):

Esterni

Prese d’aria anteriori in nero lucido con forma a C

Cerchi in lega leggera da 19” Montevideo

Simbolo R-Line su parafanghi

Paraurti specifici R-Line

Impianto di scarico con mascherine cromate

Interni

Pedaliera in alluminio

Padiglione in Titanschwarz

Listelli battitacco anteriori e posteriori in acciaio inox, anteriori con logo R-LineVolante multifunzione sportivo in pelle con design R-Line

Rivestimenti dei sedili in Alcantara/pelle (Vienna) con logo R-Line

Volante specifico R-Line

Costi di gestione

Una Granturismo particolarmente parsimoniosa

200 Euro all’anno. La Arteon si farà apprezzare anche in virtù dei suoi costi di gestione ridotti. Come nel caso della Arteon 2.0 TDI 150 CV con cambio manuale: il primo tagliando è fissato con il cambio olio (flessibile in base all’indicatore) dopo due anni o 30.000 chilometri, in base alle abitudini di guida. L’ispezione, che comprende una serie di controlli più estesi, è prevista dopo 3 anni o 60.000 chilometri. Di conseguenza, non c’è da stupirsi se le stime relative ai costi di manutenzione per i primi quattro anni e per i primi 60.000 km sono mediamente di 200 Euro annui. I fleet manager, pertanto, apprezzeranno i costi di gestione totali estremamente contenuti.

Commercializzazione: luglio 2017

Motorizzazioni: Benzina

2.0 TSI 280 CV BMT DSG 7 marce 4MOTION

Diesel

2.0 TDI 150 CV SCR BMT DSG 7 marce

2.0 TDI 190 CV SCR BMT DSG 7 marce

2.0 TDI 190 CV SCR BMT DSG 7 marce 4MOTION

2.0 BiTDI 240 CV SCR BMT DSG 7 marce 4MOTION

Prezzi a partire da:  46.500 € (2.0 TDI 150 CV SCR BMT DSG 7 marce)

Allestimenti:

 

Elegance (principali dotazioni di serie)

  • 7 airbag compreso quello per le ginocchia lato guida
  • ESC con assistente di controsterzata e stabilizzazione del rimorchio, ABS, ASR, EDS, MSR
  • Adaptive Cruise Control con funzione Stop&Go
  • Front Assist con City Emergency Brake
  • Riconoscimento pedoni e cofano motore attivo
  • Lane Assist 2.0, dispositivo mantenimento corsia
  • Sistema di frenata anti collisione multipla Multicollision Brake
  • Fatigue Detection
  • Indicatore controllo pressione pneumatici
  • Fari Full LED con Dynamic Light Assist e indicatori di direzione dinamici
  • Navigatore Discover Media con display touchscreen da 8”
  • App-Connect e Media Control
  • Active Info Display, strumentazione interamente digitale
  • Car-Net Security & Service + Car-Net Guide & Inform
  • Climatizzatore automatico Air Care Climatronic a 3 zone

Sensori di parcheggio anteriori e posteriori Park Pilot

  • Sterzo progressivo
  • Volante multifunzione rivestito in pelle con “palette” per cambio DSG
  • Sedili anteriori riscaldabili
  • Rivestimento sedili in pelle e Alcantara
  • Pedaliera in acciaio
  • Cristalli posteriori oscurati
  • Cerchi in lega da 18” modello Muscat

Sport (stessa dotazione della Elegance con i seguenti elementi specifici)

  • Cerchi in lega da 19” modello Montevideo
  • Paraurti e kit estetico R-Line
  • Rivestimento sedili in pelle e Alcantara R-Line
  • Volante multifunzione R-Line rivestito in pelle con “palette” per cambio DSG

Arteon la Granturismo Volkswagen

Arteon la Granturismo Volkswagen


title : Arteon: la Granturismo Volkswagen
updated : luglio 5th, 2017
updated_iso8601 : 2017-06-13T11:03:52+00:00
author : Ale Marino