Automobili Lamborghini al Salone Auto e Moto d’Epoca di Padova 2016 - Worldwide Automotive News - Driveandride.com Automobili Lamborghini al Salone Auto e Moto d’Epoca di Padova 2016 - Worldwide Automotive News - Driveandride.com Automobili Lamborghini al Salone Auto e Moto d’Epoca di Padova 2016 - Worldwide Automotive News - Driveandride.com Automobili Lamborghini al Salone Auto e Moto d’Epoca di Padova 2016 - Worldwide Automotive News - Driveandride.com Automobili Lamborghini al Salone Auto e Moto d’Epoca di Padova 2016 - Worldwide Automotive News - Driveandride.com Automobili Lamborghini al Salone Auto e Moto d’Epoca di Padova 2016 - Worldwide Automotive News - Driveandride.com

Automobili Lamborghini al Salone Auto e Moto d’Epoca di Padova 2016

Lamborghini al Salone  Auto e Moto d’Epoca di Padova 2016.

Al Salone  Auto e Moto d’Epoca di Padova, dal 20 al 23 ottobre, un grande stand riunisce l’heritage Lamborghini e lo declina in tre aree: PoloStorico, Miura e Museo.
Nell’area Lamborghini PoloStorico è esposta la scocca di una Miura SV (numero 5030) allo stadio finale di restauro. Dal telaio nudo con le pelli in alluminio, esposto ad aprile alla Technoclassica di Essen, ora si presenta con la scocca assemblata alla ciclistica e alla carrozzeria verniciata del suo colore oro come in origine. Motore e impianti risultano parzialmente montati. Gli interni in pelle nera sono ancora in lavorazione e saranno assemblati successivamente ai pre-montaggi.
Sempre in tema Miura, l’importante anniversario dei suoi 50 anni di storia è celebrato con l’esposizione di un esemplare di colore verde metallizzato (numero di telaio 4846), che fu esposto al Salone di Ginevra del 1971 in occasione del lancio della Miura SV. Questo modello è stato oggetto del primo restauro da parte del Lamborghini PoloStorico, che ha provveduto a ripristinarne le condizioni originali. L’esemplare restaurato si è aggiudicato quest’anno importanti riconoscimenti tra cui il “Cartier Style et Luxe Concours d’Elegance” al Goodwood Festival of Speed 2016 e il Trofeo BMW Group Italia, assegnato per referendum pubblico al concorso di eleganza di Villa d’Este. Fanno da sfondo al modello esposto le immagini più significative del Miura Tour, l’evento che a giugno di quest’anno ha visto sfilare coloratissime Miura, arrivate da tutto il mondo, su suggestivi percorsi tra Emilia, Liguria e Toscana.
Il Museo Lamborghini di Sant’Agata Bolognese porta a Padova due gioielli della sua collezione. Il primo è il concept Gallardo S del 2005, dal design particolare scelto per l’abitacolo, che si caratterizza per la presenza di un elemento divisorio fra conducente e passeggero e per l’assenza del parabrezza, sostituito da un sottile spoiler che ha la funzione di dirigere il flusso dell’aria al di sopra della testa dei passeggeri.
La seconda è la Huracán Super Trofeo, la vettura da gara che corre nel campionato monomarca Lamborghini Blancpain Super Trofeo, in rappresentanza della ricca area motorsport del Museo di Sant’Agata Bolognese.

Lamborghini PoloStorico

Il Lamborghini PoloStorico è la divisione specializzata nella cura del patrimonio storico della Casa del Toro e concentra le proprie attività in quattro settori chiave: restauro, gestione dell’archivio, certificazione e fornitura di ricambi originali tramite il reparto After Sales Lamborghini e la rete dei concessionari, al fine di preservare il valore dei veicoli. Lamborghini vanta un magazzino ricambi che copre più del 70% del parco di modelli storici Lamborghini ed è in grado di fornire anche componenti su richiesta. Quattro i progetti di restauro completi curati dal PoloStorico negli ultimi due anni: una Miura, una LM002, una Countach e una 350 GT.

Lamborghini Miura, icona senza tempo

La Miura, che quest’anno compie 50 anni, rappresenta un caso unico di automobile che rivoluzionò il settore delle sportive negli anni sessanta. Progettata nel 1965 dal team ingegneristico Lamborghini, sotto la guida di Gian Paolo Dallara e Paolo Stanzani e vestita da Marcello Gandini per la Carrozzeria Bertone, divenne immediatamente un oggetto del desiderio.
Dal design sinuoso, sensuale, è alta solamente 105 centimetri dal suolo, con una altezza minima da terra di 135 millimetri. Presentata al Salone di Ginevra del 1966, riscuote un immediato successo mondiale, polverizzando qualsiasi criterio di riferimento nel settore delle auto sportive. Motore centrale posteriore disposto in senso trasversale a 12 cilindri a V di sessanta gradi, quattro litri di cilindrata, unico blocco comprendente cambio e differenziale, sviluppa una potenza di 350 CV a 7000 giri e una velocità massima record per quei tempi di 280 km/h.
Con la Miura, che prendeva il nome di Edoardo Miura, grande amico del fondatore Ferruccio Lamborghini e famoso allevatore di tori, si inaugura la tradizione Lamborghini di dare alle proprie vetture nomi derivanti dal mondo della tauromachia. Nel mondo ne vennero consegnati 763 esemplari in tre differenti versioni dal 1966 al 1972 e in ben 60 diversi colori.

Il nuovo Museo Lamborghini

Il Museo Lamborghini, inaugurato nel 2001 presso la sede storica di Sant’Agata Bolognese, è stato profondamente rinnovato a giugno di quest’anno. Il nuovo allestimento è ora diventato un’autentica esperienza nel mondo Lamborghini che spazia dal passato al futuro del marchio. Tra aree tematiche dedicate alla tecnologia, ai motori e al motorsport, art wall e infografiche, schermi e multimedialità il visitatore percorre la storia, il presente e il futuro Lamborghini toccando con mano gli esemplari più belli della collezione. Il Museo Lamborghini, visitabile dal lunedì al sabato dalle 9.30 alle 18, offre, su prenotazione, l’opportunità di visitare le linee di assemblaggio delle vetture attualmente in produzione.


title : Automobili Lamborghini al Salone Auto e Moto d’Epoca di Padova 2016
updated : dicembre 8th, 2016
author : Giuseppe Di Gregorio