La quarta generazione della Kia Rio debutta sul mercato italiano - Worldwide Automotive News - Driveandride.com La quarta generazione della Kia Rio debutta sul mercato italiano - Worldwide Automotive News - Driveandride.com La quarta generazione della Kia Rio debutta sul mercato italiano - Worldwide Automotive News - Driveandride.com La quarta generazione della Kia Rio debutta sul mercato italiano - Worldwide Automotive News - Driveandride.com La quarta generazione della Kia Rio debutta sul mercato italiano - Worldwide Automotive News - Driveandride.com La quarta generazione della Kia Rio debutta sul mercato italiano - Worldwide Automotive News - Driveandride.com
Kia Rio 2017 quarta generazione

La quarta generazione della Kia Rio debutta sul mercato italiano

Kia Rio 2017 quarta generazione. Debutta sul mercato italiano nuova Rio, la Kia più diffusa al mondo la cui attuale generazione è stata venduta nel 2016 in oltre 473.000 esemplari, pari al 15% delle vendite totali della marca coreana.

La quarta generazione, presentata in anteprima mondiale in occasione del Salone di Parigi lo scorso autunno, si pone ai vertici della sua categoria proponendo un inedito insieme di caratteristiche particolarmente attraenti: design moderno e raffinato, spazio e praticità ai vertici del segmento, le migliori tecnologie di sicurezza, dotazioni elettroniche all’avanguardia, il massimo della connettività e doti di guidabilità e comfort più evolute.

Giuseppe Bitti, Amministratore di Kia Motors Italia, presenta così il nuovo modello: “Rio, in quanto best seller mondiale e seconda forza del brand in Italia, è un’auto molto importante per Kia e il segmento a cui appartiene è uno dei più competitivi in assoluto. La generazione precedente ha fatto un grande lavoro di conquista di nuovi clienti per Kia che la nuova dovrà confermare e accentuare. Rio è una specie di porta di ingresso al mondo Kia per molti clienti e i motivi del suo successo sono, il design accattivante, l’economia di esercizio e la assoluta praticità. La nuova generazione è stata sviluppata su questi elementi chiave con un ancora più alto livello di appeal grazie all’estetica innovativa, al piacere di guida e agli equipaggiamenti di sicurezza unici in questa categoria”.

Rio è stata pensata per incontrare i gusti e le esigenze dei clienti italiani in modo da aumentare ulteriormente l’attrattiva di Kia e allargare l’appeal in un settore di mercato fondamentale come quello delle auto di segmento B.

Linee tese e superfici morbide per una linea affascinante

Lo stile moderno e sofisticato della carrozzeria e degli interni, sono il frutto del lavoro congiunto dei centri stile Kia di Francoforte in Germania e di Irvine in California, in stretta collaborazione con lo studio centrale di Namyang in Corea.

Il risultato è un’inedita carrozzeria a cinque porte, espressione dell’evoluzione continua di Kia, che ha nelle linee tese e nelle superfici morbide un carattere più distintivo grazie al quale questa nuova Rio appare ancora più entusiasmante e arricchita da un tocco di personalità premium.

Il frontale della Rio riprende l’ultima evoluzione della caratteristica grigia a naso di tigre, che ora è più sottile in altezza e più estesa in larghezza, in modo da raccordarsi con i gruppi ottici nei quali sono integrati i proiettori con funzione diurna a LED.

I gruppi dei fari supplementari sono ora spostati più all’esterno nello scudo paraurti, mentre il cofano allungato è percorso dagli spigoli che partono dalla base del montante verso i gruppi ottici e la griglia.

Nella vista laterale la silhouette appare più lunga ed equilibrata, con il frontale allungato e lo sbalzo più accentuato. Il passo è cresciuto di 10 mm (fino a 2.580 mm) e il sottile montante posteriore segna la parte finale dell’abitacolo e la coda con uno sbalzo estremamente ridotto. Le differenze principali rispetto alla versione attuale riguardano la parte anteriore, con il cofano e lo sbalzo più lunghi, il passo aumentato e il montante posteriore poco inclinato, che rendono il look particolarmente equilibrato e gradevole.

Le nuove dimensioni portano la lunghezza a 4.065 mm (+15 mm rispetto alla versione attuale) e l’altezza a 1.450 mm (5 mm in meno dell’attuale), mentre il profilo è contrassegnato dalle linee tese che percorrono le portiere e l’intera fiancata all’altezza delle “spalle” della carrozzeria.

La coda ha un andamento “eretto”, con il lunotto posteriore quasi verticale e uno sbalzo ridotto. Una linea netta collega la griglia anteriore, i gruppi ottici e la linea di cintura fino ai nuovi sottili gruppi ottici posteriori a LED che producono una grafica luminosa a forma di freccia.

Non solo spazio: abitacolo raffinato dominato dall’HMI

Gli interni della nuova Rio sono stati studiati per migliorare ulteriormente l’ergonomia, oltre a proporre un ambiente di qualità ed esteticamente ricercato nel quale sono integrate le più moderne tecnologie.

Come all’esterno, linee tese segnano l’impostazione della plancia dando un’ulteriore sensazione di larghezza e di spaziosità dell’ambiente. L’andamento viene ulteriormente accentuato dalle bocchette orizzontali che corrono in larghezza; mentre elementi in nero lucido segnano la parte centrale della plancia.

La plancia è leggermente orientata verso il posto guida per migliorare visibilità e accessibilità dei comandi; caratteristica che gli conferisce un tocco “premium”.

Al centro domina il grande schermo touch screen ad alta definizione, fino a 7 pollici, che gestisce il sistema HMI (Human-Machine Interface) per le funzioni di intrattenimento, di navigazione e di connettività.

Nella parte inferiore si trovano i comandi della climatizzazione studiati per la massima comodità e intuitività di azionamento.

Gli equipaggiamenti comprendono, a seconda delle versioni, tutte le soluzioni più moderne dedicate alla praticità e al comfort di viaggio: dal sistema di accensione e avviamento senza chiave al tergi automatico con sensore pioggia e i proiettori a regolazione automatica.

Saranno disponibili, fra l’altro, il Cruise Control, il limitatore di velocità e il Rear Park Assist con la telecamera posteriore.

Un impegno particolare è stato riservato al miglioramento dell’isolamento dell’abitacolo dalla rumorosità aerodinamica e da quella proveniente dalla meccanica e dal fondo stradale. La più efficace insonorizzazione della plancia ottenuta con l’uso di nuovi materiali e l’irrigidimento del telaietto di supporto della meccanica, ha ridotto sensibilmente le sonorità prodotte dal motore e dalle sospensioni sui fondi accidentati.

Ulteriori interventi sono stati fatti sulla carrozzeria per migliorare l’aerodinamica e ridurre la formazione di fastidiosi fruscii; fra questi la presenza di deflettori in corrispondenza dei passaruota, la carenatura inferiore e le alette verticali al di sotto dello spoiler posteriore, tutti particolari che migliorano il flusso dell’aria attorno alla vettura.

Praticità vuol dire abitabilità, spazio di carico e visibilità

In nome della praticità d’utilizzo, che è stata al centro del processo di sviluppo tecnico di questa quarta generazione, la nuova Rio vanta un’abitabilità e uno spazio di carico ai vertici della categoria, con il volume disponibile di 325 litri per il bagagliaio.

L’allungamento del passo di 10 mm e della lunghezza totale di 15 mm hanno contribuito alla realizzazione di un abitacolo e di un vano di carico ancora più spaziosi.

Lo spazio per le gambe è cresciuto fino a 1.070 mm anteriormente e 850 mm per i passeggeri posteriori e anche la larghezza alle spalle è ai vertici della categoria (1.375 mm anteriormente e 1.355 mm posteriormente).

Malgrado il tetto più basso di 5 mm anche l’altezza disponibile per la testa resta fra le migliori del segmento con 1.020 mm anteriormente e 964 mm posteriormente.

Tutti questi miglioramenti sono stati raggiunti attraverso una serie di accorgimenti costruttivi, come la forma dei pannelli porta, la struttura del rivestimento del tetto e la modifica della plancia e altri interventi sulla struttura della scocca.

Inoltre la diversa collocazione dei retrovisori e la riduzione dell’ingombro del montante posteriore (più sottile di 87 mm) hanno ridotto in modo significativo gli angoli ciechi nella visibilità dal posto guida. La bassa linea di cintura e la presenza dei vetri supplementari nelle poste posteriori concede a tutti i passeggeri un’eccellente visibilità che amplifica la sensazione di spazio a bordo.

Nell’abitacolo della nuova Rio è possibile trovare soluzioni intelligenti per sfruttare lo spazio: alla base della console centrale c’è lo spazio per il cellulare o altri oggetti e sopra il parabrezza la sede per gli occhiali; il classico vano portaoggetti è ampio e in ogni portiera c’è spazio per riporre una bottiglia (da 1,5 litri anteriormente e da 0,5 litri posteriormente).

Nelle impugnature delle porte è ricavato uno spazio per riporre piccoli oggetti come monete o il cellulare. A richiesta, un bracciolo supplementare fornisce ulteriore spazio per riporre piccoli oggetti.

La capacità del vano bagagli cresce di 25 litri (+13%), fino a 325 litri nella misurazione VDA che è un valore fra i più alti della categoria e l’accessibilità è favorita dall’ampia apertura del portellone. Lo spazio è stato ottenuto malgrado la riduzione dello sbalzo posteriore di 15 mm (ora 655 mm) che è un elemento chiave dell’estetica della vettura,

Il vano bagagli dispone di un doppio fondo che permette di alzare la soglia o di ospitare oggetti nascondendoli nella zona inferiore. Il sedile posteriore sdoppiato è di serie come di serie è il kit di riparazione dei pneumatici, optional la ruota di scorta.

Il serbatoio carburante è disposto sotto il sedile posteriore e ha una capacità di 45 litri, due più della generazione precedente che corrispondono ad un aumento dell’autonomia valutata dai 34 ai 58 km a seconda delle versioni (secondo il ciclo di omologazione europea NEDC).

Motori efficienti con la vivacità e le basse emissioni del nuovo T-GDI

La gamma di motorizzazioni delle nuova Kia Rio comprende propulsori a benzina e diesel in grado di coniugare performance e consumi.

Per ottimizzare l’efficienza e abbassare consumi ed emissioni, tutte le versioni sono equipaggiate di serie del sistema Kia ISG (Idle Stop & Go).

Il modernissimo tre cilindri 1000 T-GDI (Turbo Gasoline Direct Injection) è la risposta di Kia alla tendenza verso il downsizing delle cilindrate e la sovralimentazione turbo e sarà uno dei pilastri della nuova Rio.

Assieme alle basse emissioni e alla grande efficienza, il basso peso di questo motore influisce anche sulle caratteristiche di guida perché riduce il carico sulle ruote anteriori e migliora il bilanciamento della vettura.

Accanto al 1000 T-GDI sarà disponibile un 1.2 lt. L’1.2 eroga 84 CV a 6000 giri/min con la coppia massima di 122 Nm a 4000 giri/min, con un consumo medio di 4,8 litri/100 km ed emissioni di CO2 di 109 gr/km.

L’alternativa a gasolio consiste nell’efficiente il 1.4 diesel, in versioni da 77 o 90 CV., capaci di ottenere livelli straordinariamente bassi delle emissioni di CO2.

La versione da 77 CV raggiunge 88 gr/km, mentre la versione da 90 CV raggiunge il valore di 96 gr/km.

La trasmissione alle ruote anteriori avviene tramite un cambio manuale a 5 marce con i motori 1.2 e 1.0 turbo da 100 CV, mentre per i motori diesel il cambio manuale è a sei marce.

Al top della sicurezza con Kia ADAS con l’obiettivo delle 5 stelle Euro NCAP

Fra gli obiettivi del progetto della nuova Rio è fondamentale il livello di sicurezza che pone questa vettura ai vertici della categoria. Alla base c’è l’adozione di una serie di equipaggiamenti che rientrano negli Advanced Driver Assistance Systems (ADAS) sviluppati da Kia.

In previsione del raggiungimento del massimo del punteggio nelle prove Euro NCAP la nuova Rio adotta tutte le soluzioni tecniche più evolute per migliorare la sicurezza attiva e passiva.

In questa prospettiva la nuova Rio è la prima auto del segmento B a disporre, a seconda delle versioni, del sistema di riconoscimento dei pedoni con frenata automatica AEB (Autonomous Emergency Braking); il dispositivo utilizza un radar a lunga portata e una telecamera per individuare gli ostacoli ed arrestare la vettura evitando l’urto.

In abbinamento è disponibile il Lane Departure Warning System (LDWS) che segnala l’involontario spostamento dalla corsia di marcia se non sono attivate le frecce.

La scocca della nuova Rio è realizzata con una elevata percentuale di acciai speciali AHSS (Advanced High Strength Steel), tecnologia che rientra nell’obiettivo Kia di ottenere una riduzione di peso delle carrozzerie delle proprie vetture del 5% entro il 2020 rispetto al 2014 aumentando contemporaneamente la resistenza.

Nella nuova Rio la percentuale di acciai speciali è del 51% rispetto al 33% della generazione attuale. Risulta così irrobustita la cella di sopravvivenza che garantisce una migliore distribuzione delle forze d’urto e una superiore protezione degli occupanti.

Gli acciai speciali sono utilizzati prevalentemente per irrobustire i montanti laterali, il pianale, il vano motore, il tetto e i brancardi alla base delle fiancate.

Nella dotazione di serie della nuova Rio sono compresi sei airbag e gli attacchi ISOFIX per i seggiolini con cinghia supplementare di sicurezza.

Su strada: piacere di guida, stabilità e comfort

Oltre ad essere straordinariamente sicura, la nuova Rio si dimostra altrettanto piacevole da guidare. I tecnici Kia si sono impegnati nello sviluppo di un insieme telaio-sospensioni con caratteristiche di agilità e comportamento assolutamente coinvolgenti abbinate a un comfort di alto livello.

L’avantreno adotta lo schema dei montanti McPherson e il retrotreno quello dei bracci longitudinali interconnessi con asse torcente.

La disponibilità di una scocca rigida ha favorito la messa a punto di un assetto particolarmente efficace e le specifiche tarature di molle e ammortizzatori favoriscono sia il comfort sia le caratteristiche di prontezza e precisione di guida.

Inoltre la soluzione degli ammortizzatori posteriori verticali e di quelli anteriori con valvole di regolazione precaricate a progressione lineare conferisce un miglior comfort e una superiore maneggevolezza e precisione di guida su qualsiasi fondo.

Anche il servosterzo è stato riposizionato per migliorare la sensibilità al volante e il controllo nella marcia rettilinea e il rapporto di sterzo è stato ridotto del 5% per rendere il comando ancora più diretto.

La dotazione di tecnologie ADAS (Advanced Driver Assistance Systems) comprende i sistemi VSM (Vehicle Stability Management) ed ESC (Electronic Stability Control), in grado di mantenere la stabilità e riportare la vettura in traiettoria nelle frenate al limite e in curva.

Al top della connettività con gli smartphone Android ed Apple

Al centro della console è disponibile, a seconda delle versioni, l’evoluto sistema di infotainment che utilizza l’ultima generazione del Kia HMI (Human-Machine Interface) con schermo fino a 7 pollici che include sistema di navigazione e mirroring.

L’integrazione con gli smartphone attraverso Android Auto™, per collegarsi con i cellulari Android 5.0 (Lollipop) o successivi, dà accesso a tutte le applicazioni presenti con l’attivazione vocale: Google Maps, i messaggi e la possibilità di scaricare brani da Google Play Music™.

Apple CarPlay™ (per IPhone 5 e successivi) rende accessibile il controllo vocale Siri per tutte le funzioni, incluse Apple Maps e la dettatura messaggi, più la fruizione dei contenuti del proprio iPhone. Apple CarPlay™ supporta anche altre applicazioni audio, streaming e audiobooks, scaricate dal proprio iPhone.

Per i clienti europei gli aggiornamenti del sistema sono forniti gratuitamente per tutta la durata della garanzia estesa Kia di 7 anni/150.000 km.

La nuova Kia Rio è inoltre la prima auto del segmento B ad essere equipaggiata con prese USB sia per i posti anteriori sia per i posteriori, così da consentire di collegare via cavo qualsiasi dispositivo e provvedere alla ricarica in marcia per tutti i passeggeri.

Kia Rio 2017 quarta generazione

Kia Rio 2017 quarta generazione


title : La quarta generazione della Kia Rio debutta sul mercato italiano
updated : febbraio 27th, 2017
author : Ale Marino